50 Anni dalla conquista del Cosmo

Rispondi
Mucci

Messaggio da Mucci » 12/04/2011, 18:31

Forse non è la sezione più adatta, ma pur sempre di viaggi tratta! :P


«Da quassù la Terra è bellissima, senza frontiere né confini.»

Immagine

Jurij Alekseevič Gagarin (9/3/1934 - 27/3/1968)
Il 12 Aprile 1961, proprio cinquant'anni fa, un uomo pronunciò una frase entrata nella storia.
Mai nessuno prima di lui aveva potuto pronunciarla.
Nessuno aveva mai volato così in alto.
Nessuno era mai stato dov'era lui in quel momento.
Partì da Mosca, a bordo della Восток 1 (Oriente 1), ad oltre 300 km di quota, in orbita per un'ora e mezzo intorno al nostro pianeta.
"Vedo la Terra circondata da foschia. Mi sento bene. Com’è bello", erano state le sue prime parole dallo spazio.
Il primo uomo nello spazio...
Il primo navigatore del cosmo...


Nessuno aveva mai visto la Terra da dove la stava guardando lui.
L'uomo che nel pieno della Guerra fredda e della corsa agli armamenti, con il suo viaggio nello spazio a bordo della navicella segnò nella storia un punto a favore dell'URSS.
Il mondo sbigottito, scioccato, incredulo per quella impresa immensa, da allora non sarebbe stato più lo stesso.

Immagine

"Adesso sulla Luna", "Avanti verso i pianeti", era scritto sui cartelli che, qualche giorno più tardi a Mosca, lo accoglievano come un eroe.
Era Gagarin il primo ad essere convinto di avere aperto una strada, quando nel suo discorso diceva: "Possiamo affermare con sicurezza che le navi spaziali sovietiche verranno lanciate anche sulle rotte più lontane".

Immagine


In questi anniversari celebriamo la parte migliore dell'uomo: il suo coraggio, il suo cuore, il suo spirito di sacrificio, la sua intelligenza. Penso che in questi giorni ce ne sia bisogno.



Rispondi

Torna a “Viaggi”