Carta VS Pdf - Il destino dell'editoria

Rispondi
Azrath

Messaggio da Azrath » 21/07/2010, 13:56

Apro un tema poco profondo, ma tutto sommato di attualità. Sta prendendo sempre più piede l'uso degli E-book, cioè dei libri elettronici acquistabili online a prezzi inferiori.

Sarebbe interessante sapere il vostro punto di vista circa questa evoluzione dell'editoria. Se vi piace, se non vi piace; se vedete più aspetti positivi o più aspetti negativi.

__________

Apro io il dibattito elencando come prima cosa qualità positive e qualità negative del pdf:

+ Il pdf non consuma carta, quindi è più rispettoso della natura;
+ Il pdf permette una rapida ricerca delle parole o delle pagine interessate;
+ Il pdf è trasportabile ovunque ed in quantità enormemente maggiori rispetto ai libri di carta;
- Leggere un libro in formato elettronico stanca la vista;
- Il formato elettronico facilita la pirateria dei libri, facilmente scaricabili da p2p con conseguente danno per autori e case editrici;
- La produzione del formato informatico scioglie alcuni anelli della filiera produttiva: trasporto, distribuzione, punti vendita, eliminando posti di lavoro.

Ho elencato le prime che mi sono venute in mente. Alla fine della fiera, io sono per la carta. Il piacere fisico di toccare e annusare un libro non può essere comparato al formato informatico. E poi ho la sensazione che una iper diffusione di libri in formato elettronico, al pari delle conseguenze che gli mp3 hanno avuto sulla musica, porti ad una perdita di 'prestigio' della lettura, anch'essa ridotta a merce di rapido consumo.

Il dilemma etico sta nel bilanciare il rispetto della natura con l'economia ed il lavoro. La carta rispetta meno la natura ma dà più lavoro; il pdf rispetta la natura ma toglie lavoro.



Avatar utente
Hardbass94
Messaggi: 5089
Iscritto il: 04/10/2009, 17:31
Next party: Seduto sulla mia auto con il piede destro tutto giù
Località: Silent Hill

Messaggio da Hardbass94 » 21/07/2010, 14:28

Assolutamente carta :)
Leggere un qualcosa di lungo al computer e in genere davanti allo schermo mi stanca e non mi fa concentrare al meglio e di conseguenza non capisco le cose.
Preferisco il formato fisico^^ da più sodisfazione e fa piacere averlo;stesso discorso lo faccio anche per i videogiochi ad esempio acquistabili in formato digitale :nonono: Ci deve essere la custodia con il disco e in più cosi hai anche il piacere della collezione :p

Lord

Messaggio da Lord » 21/07/2010, 23:17

Sono decisamente per la carta. Non è per denigrare il .pdf, per carità, ma per me il mercato dell' e-book non può funzionare. La musica è un'altra questione, tenendo conto del fatto che comunque l'immaterialità della musica per me è una gran fregatura, perchè non ti permette di avere tra le mani il prodotto finito, il che dà piacere, fa colllezione, etc...il punto è che il .pdf a parte il fatto che stanca, e poi vengono portati in .pdf, perlomeno in lingua italiana, il 2% per dei libri che interessano la totalità della popolazione, il cartaceo invece, fortunatamente, non pone limiti. Una società basata sul .pdf distruggerebbe la produzione letteraria, perchè favorirebbe unicamente quel 2% di libri che interessano a un gran numero di persone. Pensiamo agli specialisti dei settori, di qualunque settore, o a qualunque cosa non ottenga un successo planetario. Sarebbe la distruzione della cultura così come la conosciamo, certo, a meno che tutte le anime pie del mondo comincino a portare in .pdf centinaia e centinaia di manuali, saggi, romanzi, etc...cosa che non credo possibile. Inoltre è pressochè impossibile leggere interi libri al computer, quindi il pdf andrebbe comunque stampato, e a questo punto ti compri il libro. Ormai il problema della reperibilità del libro non esiste neanche più, considerando che ci sono decine di internet bookshop che rendono possibile il reperimento della maggior parte dei testi. Per il resto ci sono sempre le biblioteche specializzate (non digitali).

advanc3d

Messaggio da advanc3d » 22/07/2010, 10:01

Azrath ha scritto:Apro un tema poco profondo, ma tutto sommato di attualità. Sta prendendo sempre più piede l'uso degli E-book, cioè dei libri elettronici acquistabili online a prezzi inferiori.

Sarebbe interessante sapere il vostro punto di vista circa questa evoluzione dell'editoria. Se vi piace, se non vi piace; se vedete più aspetti positivi o più aspetti negativi.

__________

Apro io il dibattito elencando come prima cosa qualità positive e qualità negative del pdf:

+ Il pdf non consuma carta, quindi è più rispettoso della natura;
+ Il pdf permette una rapida ricerca delle parole o delle pagine interessate;
+ Il pdf è trasportabile ovunque ed in quantità enormemente maggiori rispetto ai libri di carta;
- Leggere un libro in formato elettronico stanca la vista;
- Il formato elettronico facilita la pirateria dei libri, facilmente scaricabili da p2p con conseguente danno per autori e case editrici;
- La produzione del formato informatico scioglie alcuni anelli della filiera produttiva: trasporto, distribuzione, punti vendita, eliminando posti di lavoro.

Ho elencato le prime che mi sono venute in mente. Alla fine della fiera, io sono per la carta. Il piacere fisico di toccare e annusare un libro non può essere comparato al formato informatico. E poi ho la sensazione che una iper diffusione di libri in formato elettronico, al pari delle conseguenze che gli mp3 hanno avuto sulla musica, porti ad una perdita di 'prestigio' della lettura, anch'essa ridotta a merce di rapido consumo.

Il dilemma etico sta nel bilanciare il rispetto della natura con l'economia ed il lavoro. La carta rispetta meno la natura ma dà più lavoro; il pdf rispetta la natura ma toglie lavoro.
Interessantissimo questo argomento.
Personalmente trovo che nessuno dei due formati sia attualmente il migliore. Entrambi hanno pregi, ma hanno anche delle limitazioni.
Parlando della carta ad esempio, possiamo dire che il supporto classico (libri, quaderni, ecc...) siano di facile consultazione, ergonomici, ottimi per lo studio (sottolineatura, appunti, ...) e come il vinile nell'ambito musicale, sono oggetti fisici e non virtuali come i file e questo rende la carta più calda, più sentimentale rispetto ai freddi file. D'altro canto però è un supporto poco duraturo, spesso i libri si rovinano, si sgualciscono, si sporcano, strappano, si apre la rilegatura, ecc...
Il pdf, o comunque il supporto elettronico, è di facile divulgazione potendosi diffondere sul web, tramite i sw come adobe reader si possono copiare parti di testo (utile per comporre tesine, ricerche, ecc...), spesso sono file che occupano pochi mega quindi trasportabili sui vari supporti mobili e facilmente trasferibili da un computer all'altro. Il limite di questo formato sta, secondo me, nell'interazione tra file e lettore. I pc normali con sw tradizionale infatti permettono solamente di leggere, copiare/incollare e ricercare termini nel file. Solo con le tablet più evolute è possibile sottolineare, inserire note a margine come se si trattasse di un vero e proprio foglio di carta. Come già detto da Azrath però, una lettura prolungata su schermo (specialmente quelli di fascia economica che hanno una bassa definizione e lampade mal calibrate) può provocare fastidi alla vista.

Per quanto riguarda la pirateria non trovo che ci sia troppa differenza tra i due. Pensando alla mia esperienza in accademia ad esempio, molti studenti comprano i libri fotocopiati (con violazione quindi del copyright) che le copisterie della zona avevano già nel loro archivio.
Con i pdf è probabilmente più facile "accaparrarsi" una copia illegale del libro.

Altra cosa, come giustamente ha fatto notare Az è che se dovesse scomparire il supporto cartaceo si creerebbe della disoccupazione.
Con lo sviluppo del web publishing però penso che potrebbero nascere delle nuove figure specializzate appunto nella distribuzione, nell'editoria, nella catalogazione e promozione dei virtual book online.

Un'altra cosa che mi è venuta in mente ora è che il pdf può essere letto da una voce computerizzata tramite dei software inclusi in tutti i recenti sistemi operativi, rendendo facilmente fruibile un libro/articolo/testo anche per i non vedenti.

Lord

Messaggio da Lord » 22/07/2010, 10:23

eh ma se viene letto in questo modo diventa come un film. la lettura e lo studio non sono dei processi diacronici ma sincronici quindi magari su tante cose ci vuoi tornare

isaac

Messaggio da isaac » 22/07/2010, 13:33

il solito quesito interessante di Azrath :clap:
tralasciando il lato ecologico e quindi assolutissimamente a favore del formato pdf,rimango tradizionale al classico libro in carta.
primo motivo: leggere un libro davanti un caminetto accesso e sentire l'odore della carta e' una sensazione straordinaria.
secondo motivi: i libri hanno un anima,emanano calore (si anche il dispositivo elettronico per leggere i libri in pdf emana calore :mrgreen: ), si differenziano gli uni dagli altri per il formato,la copertina,il numero di pagine ecc.ecc.. un po' come paragonare il freddo cd tutto uguale e identico agli altri e un disco in vinile.
terzo motivo: come faccio a piegare l'angolino di carta per tenere il segno..? impossibile....

albo aka piumaki

Messaggio da albo aka piumaki » 22/07/2010, 13:42

Carta tutta la vita

Azrath

Messaggio da Azrath » 23/07/2010, 13:36

Lord ha scritto:Inoltre è pressochè impossibile leggere interi libri al computer, quindi il pdf andrebbe comunque stampato, e a questo punto ti compri il libro.
Io ho provato a leggere un libro al monitor antico ed è un vero stress. Tuttavia non so se hai mai sentito parlare di E-book reader (per saperne di più clicca qui):

Immagine

Non ho ancora sperimentato questo aggeggio, ma forse riesce a fornire un grado di leggibilità confrontabile con quello di un libro vero.

gbrinaina

Messaggio da gbrinaina » 23/07/2010, 20:57

carta ruleggia... è straziante leggere usando il pc, nn potrei mai pensare di leggere un libro di 400 pagine in pdf! addio okki! meglio su carta!

Avatar utente
Hardbass94
Messaggi: 5089
Iscritto il: 04/10/2009, 17:31
Next party: Seduto sulla mia auto con il piede destro tutto giù
Località: Silent Hill

Messaggio da Hardbass94 » 23/07/2010, 23:45

E poi è anche più comodo leggere su una rivista o un libro :)

Azrath

Messaggio da Azrath » 24/07/2010, 13:00

Toh, manco a farlo apposta è uscito oggi un articolo su Il fatto quotidiano che parla proprio di questo:

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/07 ... bro/43588/

Gbmafluca

Messaggio da Gbmafluca » 25/05/2011, 19:38

ho aperto questo post in lettura xk a mio parere gli e-book hanno portato e porteranno un forte stravolgimento nel mondo letterario e nel modo di leggere.

a natale ho regalato a mia mamma il lettore e-book della amazon...il kindle graphite dx
sembrava k nn potesse vivere senza...poi è finito k nn lo cagava neanke d striscio e alla fine lo sto usando io...

be in italia è ancora poco diffusa come cosa, però nn appena si scopriranno i vantaggi che ha avra una grande diffusione come i lettori mp3.

li paragono ai lettori mp3 xk, come questi a mio parere porteranno a una grande diffusione della pirateria, infatti ditemi k di voi a ultimamente comprato un cd musicale...il 90% se l'è scaricato immagino, be a mio parere presto finirà così anke con i libri, si diffonderà su larga scala il p2p degli e-book...
x ora in italia è una cosa di nikia, ma ultimamente i libri me li sto leggendo a sbaffo, libri appena usciti...purtroppo nn se ne trovano molti, ma cavolo un libro k volevo leggere "la malastagione" in libreria costava 18€!!!cioè una cosa k dopo usata mi prende polvere tt la vita mi ruga pargala 18€...vabbo l'ho trovato scaricabile su un forum e ora ce l'ho...
si viene a perdere magari l'affezione materiale con loggetto libro, xk fa anke piacere avere una libreria piena di libri, cioè fa sentire come se si è costruito qualcosa ed ora è li e lo puoi vedere e toccare...
però ora come ora, si da anke un okiata al risparmio.

xo cosa k mi ruga è k i siti internet k vendono e-book, li fanno pagare poco meno rispetto a prenderli cartacei :doh: il k è una minkiata...cioè nn paghi la stampa, e la distribuzione, cavolo fammi pagare soltanto i diritti...be secondo me questo è e sarà uno dei motivi k porterà alla diffusione della pirateria dei libri, se una cosa la fanno a un prezzo equo, uno la paga, se il prezzo è spropositato la scavalla.

voi cosa ne pensate della diffusione degli e-book? si viene a perdere la materialità e il gusto del leggere un libro e diciamo quella cosa "romantica" k c'è nell'avere i libri nella libreria?oppure sono un'opportunità da sfruttare?

(se qualc'uno crede sia meglio spostarlo in tecnologie...faccia)

gbrinaina

Messaggio da gbrinaina » 25/05/2011, 20:52

bah io nn ho sbatta di leggere libri, figuriamoci così XD

sulla pirateria la penzo come te ;)

Azrath

Messaggio da Azrath » 25/05/2011, 20:54

Se n'è già parlato in questo topic: http://www.hardestmusic.it/board/viewto ... 01&t=17342 ;)

gbrinaina

Messaggio da gbrinaina » 25/05/2011, 21:03

grazie, li unisco ;)

gbrdade

Messaggio da gbrdade » 26/05/2011, 16:56

a noi a scuola chi han dato gli e-book erano veramente smarzi si sono rotti quasi tutti in pochssimi giorni :lol: boh secondo me fan vermaente cagare

Mr Purple

Messaggio da Mr Purple » 26/05/2011, 18:07

io purtroppo sono per il libro come feticcio, quindi estremamente di parte.
comunque ho acquistato un e-book dal sito della feltrinelli ed ho odiato profondamente il formato. non so se qualcuno di voi ha già fatto questa splendida esperienza, ma se acquistate un e-book (per lo meno dalla feltrinelli), sarà leggibile solo tramite un software (della adobe), a meno che non togliate illegalmente questa protezione per ottenere un comune pdf e altrimenti non stampabile.
a me questa cosa ha fatto imbestialire: se io compro un libro, quel libro è mio e ci faccio quello che voglio. con i cd se io posseggo un cd, posso farne una copia legale, a meno che non la venda. con quel cazzo di e-book non ci posso fare nulla. ma te l'ho pagato o no?

des

Messaggio da des » 26/05/2011, 19:58

detesto la technologia :nono: figuriamoci leggere un libro senza poterne sfogliare le pagine ,sottolineare le frasi ad effetto e assaporarne il profumo di stantio :8)

Jamma

Messaggio da Jamma » 26/05/2011, 20:14

Mi darebbe tristezza vedere una libreria vuota,con un qualche improbabile e-book...
Il libri sono belli anche da conservare, una libreria piena ha un impatto diverso che uno schermo..
Ma poi non si bisogna metterlo a ricaricare ogni tot?

Azrath

Messaggio da Azrath » 26/05/2011, 20:25

Inutile, il feticismo del libro vince. :8)

Avatar utente
numberinn
Admin
Messaggi: 1994
Iscritto il: 22/04/2009, 13:16
Next party: Mah, boh, chissà...
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da numberinn » 26/05/2011, 21:48

Condividendo praticamente in toto la descrizione fatta da lorenzo, vorrei contestare i punti che ritieni negativi:

Azrath ha scritto:- Leggere un libro in formato elettronico stanca la vista;
In che modo la lettura su di un supporto quale uno schermo stancherebbe maggiormente la vista rispetto alla lettura su supporto cartaceo?
Già il fatto che il primo abbia una retroilluminazione e la possibilità di modificare il contrasto è un vantaggio rispetto al cartaceo che spesso viene letto in condizioni di luce non ottimali oppure, a causa del tempo, risulta avere le pagine ingiallite e/o inchiostri che schiariscono.
Inoltre il primo ha anche la possibilità di aumentare/diminuire la dimensione dei caratteri per adattarsi meglio alle esigenze del lettore mentre, con il cartaceo, spesso ci si ritrova con le tipiche "edizioni compatte" o "a basso impatto ecologico" che utilizzano minime dimensioni di carattere per risparmiare in inchiostro e carta, rendendo impossibile la lettura da una distanza corretta.

Azrath ha scritto:- Il formato elettronico facilita la pirateria dei libri, facilmente scaricabili da p2p con conseguente danno per autori e case editrici;
Come ha già detto lorenzo, la riproduzione non autorizzata dei libri è pratica in uso da decenni e, almeno secondo la mia esperienza, sopratutto nell'ambito universitario.
Sicuramente il poter trovare i libri direttamente sui circuiti di condivisione facilita chi ha l'intento di non pagare i diritti d'autore e d'editore, ma risulta sufficientemente assodato anche in svariati ambiti differenti che non è questa la causa della "pessima abitudine" che hanno in tanti anche se per definirla tale bisognerebbe considerare caso per caso tenendo bene a mente la Costituzione nei suoi artt. 3, 9 e 33.

Azrath ha scritto:- La produzione del formato informatico scioglie alcuni anelli della filiera produttiva: trasporto, distribuzione, punti vendita, eliminando posti di lavoro.
Questo però in favore della creazione di altri posti di lavoro nell'ambito delle telecomunicazioni; bisognerebbe riuscire a quantificare quanti posti sarebbero persi da un lato e quanti guadagnati dall'altro e, inoltre, quanti posti sono/sarebbero totalmente inutili (e magari occupati "dall'amico di") poichè resta chiaro che il formato elettronico è nettamente più efficiente rendendo quindi obsoleta la distribuzione come effettuata fino ad una decina d'anni fa.

Gbmafluca

Messaggio da Gbmafluca » 26/05/2011, 23:03

Mr Purple ha scritto:io purtroppo sono per il libro come feticcio, quindi estremamente di parte.
comunque ho acquistato un e-book dal sito della feltrinelli ed ho odiato profondamente il formato. non so se qualcuno di voi ha già fatto questa splendida esperienza, ma se acquistate un e-book (per lo meno dalla feltrinelli), sarà leggibile solo tramite un software (della adobe), a meno che non togliate illegalmente questa protezione per ottenere un comune pdf e altrimenti non stampabile.
a me questa cosa ha fatto imbestialire: se io compro un libro, quel libro è mio e ci faccio quello che voglio. con i cd se io posseggo un cd, posso farne una copia legale, a meno che non la venda. con quel cazzo di e-book non ci posso fare nulla. ma te l'ho pagato o no?
di roba d'informatica non me ne è mai fregato niente, ma sta roba dell'ebook k nn si poteva aprire in altri formati, che nn potevi passare...mi ha fatto imbestialire, allora gira e rigira su internet ho trovato un modo x togliere le varie licenze a protezione, cambiargli formato,e balle varie, alla fine se è un libro è giusto k cm un libro lo possa prestare...

la roba della vista no, cioè il lettore k ho io è a eink, nn è retro illuminato quindi nn stanca gli oki, e ha il vantaggio d poter cambiare il formato, cn lo svantaggio k si scompagina tt e va a capo alla cazzo...

cmq x certi verse è meglio il libro d carta...lo sfogli + liberamente e velocemente, x altri se diventano + combattivi coi prezzi dei libri meglio ebook...
ho comprato il libro uscito qualke mese fa di nikolai lilin "a caduta libera"...cazzo 25€ d libro...vacca boia mi sn sentito male ooh 50000lire!!!

albo aka piumaki

Messaggio da albo aka piumaki » 29/05/2011, 22:57

Mr Purple ha scritto:io purtroppo sono per il libro come feticcio, quindi estremamente di parte.
Carta tutta la vita!
Magari potrebbero però usare piu carta riciclata...di tutti i libri che ho e che ho letto davvero pochi, a mia memoria sono in carta riciclata :nono:

Rispondi

Torna a “Letteratura”