E se tutta la musica fosse gratis?

Info e commenti generali riguardo la scena musicale ed il movimento hardcore
Azrath

Messaggio da Azrath » 24/02/2010, 12:59

Secondo voi è pensabile uno scenario in cui il produttore musicale mette a disposizione gratuitamente i propri pezzi, attingendo i guadagni soltanto dai live, da contributi volontari o dall'uso commerciale che terze parti fanno della sua musica (es. un dj che mette il disco di X in discoteca, pagherà i diritti a X)?
Che vantaggi vedete? E che problemi?



reflecti

Messaggio da reflecti » 24/02/2010, 13:01

Azrath ha scritto:Secondo voi è pensabile uno scenario...
mi sa che tra nn troppo tempo lo scopriremo :shifty: :roll:

albo aka piumaki

Messaggio da albo aka piumaki » 24/02/2010, 13:16

Secondo me è nn solo è possibile ma anche auspicabile uno scenario del genere (io sono sempre stato a favore della libera diffusione dell' arte) al quale tra l altro ci stiamo ormai sempre piu avvicinando, basta pensare al download "illegale", alle produzioni che escono e vengono vendute online a costi molto bassi, a tutto la scena dell' auoproduzione e delle netlabel ecc....

Lukino

Messaggio da Lukino » 26/02/2010, 2:20

e perchè dovrebbe? e poi i vinili con che soldi si incidono? (per non parlare dei cd, visto che ormai li scaricanno tutti da internet :roll: ) anche una casa discografica necessita di fondi per rimanere aperta... quindi credo che sia improponibile come cosa.... sarebbe la morte della musica stessa
ok la libera diffusione dell'arte, ma rimanendo con i piedi per terra, e cioè che ogni cosa a questo mondo comporta dei costi, che non tutti possono sempre pagare in nome dell'arte... sarebbe bello, ma è improponibile :roll:

Mr Purple

Messaggio da Mr Purple » 26/02/2010, 11:53

però secondo me sarebbe proponibile, una volta raggiunti certi livelli, che i gruppi si mantenessero tendenzialmente tramite i tour.
i cd costano di più se sei famoso e poco se non ti conosce nessuno. dovrebbe essere il contrario.
i radiohead l'ultimo album lo facevano scaricare dal loro sito con un'offerta (pure di un centesimo). non è una cosa così inattuabile.

albo aka piumaki

Messaggio da albo aka piumaki » 26/02/2010, 12:36

Lukino ha scritto:e perchè dovrebbe? e poi i vinili con che soldi si incidono? (per non parlare dei cd, visto che ormai li scaricanno tutti da internet :roll: ) anche una casa discografica necessita di fondi per rimanere aperta... quindi credo che sia improponibile come cosa.... sarebbe la morte della musica stessa
ok la libera diffusione dell'arte, ma rimanendo con i piedi per terra, e cioè che ogni cosa a questo mondo comporta dei costi, che non tutti possono sempre pagare in nome dell'arte... sarebbe bello, ma è improponibile :roll:
Ma secondo me i supporti come vinile (purtroppo :'( ) e cd, come blu-ray e dvd sono destinati a scomparire..anzi stanno gia scomparendo. Ormai si fa tutto online...ti scarichi le tracce, gli album, i film dai negozi online, senza piu bisogno della plastica! Di conseguenza verrebbero meno tutti i costi di stampa e distribuzione. E quindi credo che anche una casa discografica nn avrebbe piu tutta l importanza che aveva prima.

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 26/02/2010, 15:17

Mr Purple ha scritto:però secondo me sarebbe proponibile, una volta raggiunti certi livelli, che i gruppi si mantenessero tendenzialmente tramite i tour.
Si certo, e tu lo faresti? XD figurati poi quando hai i soldi ne vuoi sempre di più
Mr Purple ha scritto:i cd costano di più se sei famoso e poco se non ti conosce nessuno. dovrebbe essere il contrario.
Questo purtroppo è la sacrosanta verità :doh:
Lukino ha scritto:e perchè dovrebbe? e poi i vinili con che soldi si incidono? (per non parlare dei cd, visto che ormai li scaricanno tutti da internet :roll: ) anche una casa discografica necessita di fondi per rimanere aperta... quindi credo che sia improponibile come cosa.... sarebbe la morte della musica stessa
ok la libera diffusione dell'arte, ma rimanendo con i piedi per terra, e cioè che ogni cosa a questo mondo comporta dei costi, che non tutti possono sempre pagare in nome dell'arte... sarebbe bello, ma è improponibile :roll:
Quoto tutto, e rispondo al titolo del topic dicendo: impossibile nessuno vive a gratis, specie chi vive solo con la musica. Morirebbero tutti gli artisti come detto da lukino.

Mr Purple

Messaggio da Mr Purple » 26/02/2010, 15:25

Gid gbr ha scritto:Si certo, e tu lo faresti? XD figurati poi quando hai i soldi ne vuoi sempre di più
certo, capisco che più soldi hai più ne vuoi, ma è ingiusto. saresti comunque straricco solo mantenendoti con i tour. io non posso dire che lo farei perché non lo vivo, ma vedere che esistono artisti affermati che lo fanno, mi fa credere che lo farei anche io.
secondo me sarebbe anche corretto fare delle norme per regolarizzare questi "abusi" di notorietà. i ladri sono questi, non chi scarica...

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 26/02/2010, 15:45

Assolutamente hai ragione in tutto, ma quando vedrò loro, sportivi vari, attori ecc accontentarsi della paga di un anno (che ti sistema per tutta la vita) e poi adeguarsi con paghe normali allora ci crederò ;)

Lukino

Messaggio da Lukino » 26/02/2010, 15:51

albo aka piumaki ha scritto:
Lukino ha scritto:e perchè dovrebbe? e poi i vinili con che soldi si incidono? (per non parlare dei cd, visto che ormai li scaricanno tutti da internet :roll: ) anche una casa discografica necessita di fondi per rimanere aperta... quindi credo che sia improponibile come cosa.... sarebbe la morte della musica stessa
ok la libera diffusione dell'arte, ma rimanendo con i piedi per terra, e cioè che ogni cosa a questo mondo comporta dei costi, che non tutti possono sempre pagare in nome dell'arte... sarebbe bello, ma è improponibile :roll:
Ma secondo me i supporti come vinile (purtroppo :'( ) e cd, come blu-ray e dvd sono destinati a scomparire..anzi stanno gia scomparendo. Ormai si fa tutto online...ti scarichi le tracce, gli album, i film dai negozi online, senza piu bisogno della plastica! Di conseguenza verrebbero meno tutti i costi di stampa e distribuzione. E quindi credo che anche una casa discografica nn avrebbe piu tutta l importanza che aveva prima.
e allora l'intero mondo della musica è destinato a morire... se cosi fosse la prossima sarà una generazione di "raver" marcioni che scaricano gratis da internet musica di pessima qualità e che frequentano solo illegali... mi rifiuto di pensare ad un mondo dove la musica esiste esclusivamente sul web... e allora tutte le grandi case che producono hi-fi come Bower & Wilkins, Klipsh, Bose, JBL ecc che fanno? chiudono perchè siamo tutti dei braccini corti? cazzo io da quando avevo 10 anni mi spezzavo la schiena a lavorare in quella jungla che era il nostro giardino per comprarmi i cd! non è che solo perchè la tecnologia progredisce bisogna stravolgere tutto! ma volete mettere avere una bella collezione di cd con i booklet con all'interno tutte le nozioni sugli artisti, le foto dei party e ogni volta andarsi a rivedere un pezzo di storia? ogni volta è come stare nella cantina dei vini e prendersi quei 20 minuti per dire "mmmm cosa ci starebbe bene in questo momento? questo, o quell'altro? mmm"... internet è si una grande fonte di informazione (vedi discogs che funge anche da mercato, la manna dal cielo per me) ma al tempo stesso è il peggior cancro per la musica! forse è anche per questo che è stato perso completamente il CULTO della musica.... che arte e passione è se basta un click per scaricarsela da internet? no mi dispiace, mi oppongo categoricamente... FIERO DI ESSERE UN COLLEZIONISTA COMPULSIVO! :yeah:

albo aka piumaki

Messaggio da albo aka piumaki » 26/02/2010, 16:20

Guarda stai parlando con la persona sbagliata...pure io sono collezionista compulsivo, c ho centinaia di vinili e centinaia di dvd tutti originali :8) ... sono feticista fiero dell' oggetto! :mrgreen:
Pero il mondo va cosi...poi scaricare una cosa da internet nn vuol dire mica automaticamente pessima qualita...se ti compri una traccia da Beatport ti scarichi il wav e la qualità è da paura. Se ti guardi un film con itunes (nn ancora in italia) la qualita è uguale al dvd. Probabilmente tra qualche anno uno al posto di avere una parete piena di dvd, avra un hardisk carico di file.mp4!
Le grandi case che producono hifi si adatteranno e produrrano solo, che ne so, lettori mp3...
Poi io nn sono per nulla convinto che internet sia "il peggior cancro per la musica" anzi...forse è il peggior cancro per l industria discografica che specula sulla musica

Lukino

Messaggio da Lukino » 26/02/2010, 17:07

avevo capito che siamo dello stesso parere :yeah: il mio era un rimprovero generale a questa situazione che si sta delineando ;)
ma per qualità non intendo la qualità del suono in se, intendo proprio la qualità musicale... insomma ok ke ci sono in giro tanti giovani promettenti, ma ci sono in giro anche un sacco di incapaci! sai quanti che fino ad un paio d'anni fa avevano come unico scopo nella vita le vasche in Corso Matteotti a Varese e la playstation e tutto ad un tratto si sono improvvisati produttori minimal perchè sono venuti in possesso di un cd masterizzato che conteneva Fruit Loops craccato? è strapieno!degli incapaci paurosi! finchè c'era una "sana gerarchia" c'era molta piu selezione su quello che veniva pubblicato e cio che invece era meglio rimanesse nel cassetto degli aborti... l'arte non è per tutti, è per chi ha talento! e non si puo mettere sullo stesso piano (anche commerciale, inteso come un qualcosa che la gente pagherà per avere) 2 sfigati che producono con Fruit Loops craccato e Paul Van Dyk che ha dato l'anima alla musica partendo dalla povertà della Berlino Est per esempio!
questo si che è ingiusto!
tuttavia se l'industria discografica non "speculasse" i grandi festival che abbiamo oggi, non avrebbero avuto modo di ingrandirsi ai livelli odierni... se ci pensi è il modo piu sano per diffondere la musica! ma occorrono soldi per farlo... senza non si va da nessuna parte,come per ogni cosa nella vita :roll:
lo so non è facile da spiegare, forse perchè al momento non mi vengono neanche gli esempi giusti, ma confermo la mia avversione piu totale a questo sviluppo della musica, che a parer mio è oltremodo squallido! non si parla piu nemmeno di culto, ma di scaricare... che tristezza :|

Azrath

Messaggio da Azrath » 26/02/2010, 17:59

Lukino ha scritto:tutto ad un tratto si sono improvvisati produttori minimal perchè sono venuti in possesso di un cd masterizzato che conteneva Fruit Loops craccato? è strapieno!
Mi chiedo se la colpa sia di costoro, che pure hanno il diritto di diffondere le loro opere, o dell'utenza che accoglie positivamente quei prodotti. Ci sarebbe anche da riflettere su quali basi oggettive una musica può dirsi migliore di un'altra, come ci sarebbe da riflettere sui fattori che operano un'azione condizionante sull'utenza al punto da indurla a preferire musiche di scarsa qualità (ripeto - tutto da dimostrare) rispetto a musiche di miglior qualità.

Avatar utente
the_gex
Messaggi: 1610
Iscritto il: 23/04/2009, 21:45
Next party: a casa mia xe sempre festononona!
Località: Monfalcone (Go)
Contatta:

Messaggio da the_gex » 26/02/2010, 21:04

ormai fare i soldi vendendo musica e' impossibile...
il futuro?
diffusione gratis di tracce in mp3/wav e gli artisti prendono solo facendo serate in giro...

x-fly

Messaggio da x-fly » 26/02/2010, 21:17

e se le serate non arrivano perche' costi troppo o perche non porti 100 persone che fai?

Ste_Gbr

Messaggio da Ste_Gbr » 26/02/2010, 21:34

...con tutti i download pirata che ci sono in giro, anche se formalmente la musica costa, per chi se ne fotte è gia gratis...

PioLa

Messaggio da PioLa » 26/02/2010, 21:39

eh..se fosse tutto gratis gli artisti non camperebbero più di musica :) perchè purtroppo la musica non è finanziata da nessuno, è un prodotto commerciale come le patatine o dei vestiti, non c'è alcuna differenza.
se qualche babbeo del governo prendesse meno soldi di stipendio, e quel meno andasse a finire nelle spese dei musicisti sarebbe un mondo migliore

Lukino

Messaggio da Lukino » 26/02/2010, 22:40

Azrath ha scritto:
Lukino ha scritto:tutto ad un tratto si sono improvvisati produttori minimal perchè sono venuti in possesso di un cd masterizzato che conteneva Fruit Loops craccato? è strapieno!
Mi chiedo se la colpa sia di costoro, che pure hanno il diritto di diffondere le loro opere, o dell'utenza che accoglie positivamente quei prodotti. Ci sarebbe anche da riflettere su quali basi oggettive una musica può dirsi migliore di un'altra, come ci sarebbe da riflettere sui fattori che operano un'azione condizionante sull'utenza al punto da indurla a preferire musiche di scarsa qualità (ripeto - tutto da dimostrare) rispetto a musiche di miglior qualità.
bè visto che parliamo di MUSICA cerchiamo di usare termini piu appropriati, quindi quel "opere" è il caso di risparmiarlo per dei veri capolavori ;)
è assolutamente vero che la colpa è anche dell'utenza che apprezza cose di scarsa qualità (non sono uno sbruffone, ma avendo amato la musica con tutta l'anima, avendo fatto immensi sacrifici per essa e avendola esplorata in ogni sua forma credo di poter dire senza giudizio altrui cosa è fatto bene e cosa merita di finire nel cestino ;) )... ma è anche vero che se il primo pirla che passa puo produrre una traccia minimal (spacciandola come un capolavoro, e questo lo fanno anche quei 4 sfigatelli che girano qua :roll: ) vuol dire che forse non è poi cosi geniale o serio come genere... nel senso che non serve avere talento, ma basta avere un programmino dle cazzo per potersi definire un produttore... e questo è agghiacciante... ci sono 2 miei amici che producono minimal (hanno anche suonato a qualche serata nei vari club di Varese e le loro tracce avevano raggiunto un'ottima posizione nella classifica di Beatport) e ho visto cosa ci si impiega a produrre una traccia cosi: hanno campionato un vocal da una traccia di Headhunterz, ripreso la cassa di una loro precedente produzione (sempre minimal) e aggiunto un suono (non saprei come identificarlo) semplicissimo a ripetizione... basta o_o tempo 1 ora compresi ritocchi qua e la...
se questo è talento :roll: gia l'era digitale non offre piu le vibrazioni e le emozioni che offriva la musica fino all'era mainstream (parlo per esempio della Trance) se poi adesso qualunque pirla puo affermarsi in maniera cosi semplice (grazie anche alla semplicità di produzione) è la fine! non c'è piu religione! e questo sta avvenendo in tutte le sfumature dell'ambito elettronico!
ecco in quest'ambito sarebbe da ristabilire una sorta di gerarchia, dove i piu bravi fanno strada e quelli che non ci sanno fare lasciano perdere... come era prima e come è giusto che sia :yeah:

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 27/02/2010, 12:31

Concordo nuovamente con lukino ;) non potevi esprimerti meglio

Lord

Messaggio da Lord » 28/02/2010, 20:46

no perchè se lo facessi crollerebbe l'industria musicale...e dopo che fai, torni a suonare nei salotti come i musicisti classici? i tempi sono cambiati e oggi è giusto che l'arte funzioni secondo le logiche dell'industria culturale...io comunque preferivo quando non si scaricava...perchè c'era una certa emozione ad andare in negozio, non sapevi se avevi scelto bene o male...magari era bellissimo o faceva schifo, però vuoi mettere l'emozione...oggi basta avere soulseek e 10 giorni di tempo per avere di tutto di più.

yabbo

Messaggio da yabbo » 28/02/2010, 21:09

bhe m sembra ke questa sia gia una realta,di certo non si campa con le vendite dei cd

Lukino

Messaggio da Lukino » 01/03/2010, 3:11

Lord ha scritto:no perchè se lo facessi crollerebbe l'industria musicale...e dopo che fai, torni a suonare nei salotti come i musicisti classici? i tempi sono cambiati e oggi è giusto che l'arte funzioni secondo le logiche dell'industria culturale...io comunque preferivo quando non si scaricava...perchè c'era una certa emozione ad andare in negozio, non sapevi se avevi scelto bene o male...magari era bellissimo o faceva schifo, però vuoi mettere l'emozione...oggi basta avere soulseek e 10 giorni di tempo per avere di tutto di più.
straquoto! soprattutto i reparti dei cd a 3,50 euro dove trovi perle del passato ormai dimenticate :sbav: :sbav: :sbav:

yabbo

Messaggio da yabbo » 01/03/2010, 11:48

un tempo era un emozione comprare un cd, ma c erano le lire adesso ke ce l euro le cose sono un po diverse, per fortuna ke si puo scaricare perke se no la mia cultura musicale sarebbe ferma a una decina di cd di qualke anno fa :D

Futurist

Messaggio da Futurist » 08/06/2010, 0:00

Azrath ha scritto:Secondo voi è pensabile uno scenario in cui il produttore musicale mette a disposizione gratuitamente i propri pezzi, attingendo i guadagni soltanto dai live?
io preferirei pagari i cd e non pagare i live soprattutto se si parla di Iron Maiden! Immagine

:mad: :mad: :mad:
:$ :$ :$

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 08/06/2010, 2:16

Piccolo o.t.: Biglietto per la tappa italiana di agosto preso futurist :P

Futurist

Messaggio da Futurist » 08/06/2010, 2:52

Gods Of Metal, Bologna 2008...mi è bastato quello :-°

Iron Maiden
Slayer
Judas Priest
Yngwie Malmsteen


Solo per fare qualke nome! :mad:

Avatar utente
numberinn
Admin
Messaggi: 1996
Iscritto il: 22/04/2009, 13:16
Next party: Mah, boh, chissà...
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da numberinn » 08/06/2010, 15:39

Azrath ha scritto:attingendo i guadagni soltanto dai live o dall'uso commerciale che terze parti fanno della sua musica
In italia per i generi "di nicchia" come l'hc, di fatto è già così.

Avatar utente
saluzz
Real Isean handeater
Messaggi: 13938
Iscritto il: 23/04/2009, 14:57

Messaggio da saluzz » 08/06/2010, 16:14

questa evoluzione-involuzione del sistema ha notevoli aspetti negativi ma anke alcuni positivi...

i negativi sono quelli ke ha spiegato perfettamente lukino: praticamente chiunque puo improvvisarsi artista e fare musica, in questo modo c e una proliferazione d musica d scarsa qualità messa magari alla pari con musica d n certo livello...e capisco ke ai VERI ARTISTI sta cosa faccia storcere il naso...
sta cosa si collega al fattore positivo ossia ke campa, cioe che guadagna, chi è in gamba ad esibirsi...

questo discorso però va preso con le pinze per la musica elettronica!
x il rock o per la musica strumentale vale: nn vendi piu cd e la gente ha la tua musica solo gratis, però tu artista sai fare degli spettacoli bellissimi quindi guadagni esibendoti come veramente sarebbe nella nozione di artista musicale... quindi la vedo come la legge del piu forte...ki e in gamba ha successo e ki e solo capace a cantare in playback o con la voce modificata x registrare il cd fara spettacoli pessimi e quindi nn fara strada....

x la musica elettronica vale si e no considerando ke prima dell artista viene la DISCOTECA e quindi oltre a saperti bene esibire (concetto diverso dal precedente) devi anke avere altre credenziali... inoltre tantissimi generi d musica elettronica ormai sono nelle mani d tutti con programmi programmini programmoni kiunque puo fare l artista provetto...e cio ha indubbiamente penalizzato la musica elettronica...

x me la musica in generale e il concetto d artista è cambiato e s e perfezionato insieme a questa mutazione...x la musica elettronica purtroppo la vedo sempre piu grigia...

Cristian AoF

Messaggio da Cristian AoF » 08/06/2010, 22:54

ok, tutti ragionamenti corretti ma...
le case discografiche con che soldi rimarrebbero in piedi? Produrre un disco ha dei costi, anche se solo in digitale:
il costo di produrre il master
il costo in termini di tempo
il costo dei canali internet ( aggiornare siti internet, facebook myspace youtube e tutto il resto porta via ore e ore)

se tutto fosse gratis non esisterebbero più etichette discografiche, tutti che corrono da soli allo sbaraglio... e un artista nuovo come può fare a farsi notare se non c'è nemmeno un'etichetta che lo spinge?

Per farvi capire dove finirà questa situazione... contate quanti nuovi artisti hardcore sono arrivati negli ultimi 3 o 4 anni.. e quanti di questi suona spesso.. Si, la risposta è nessuno. Meno si vende meno soldi ha la casa discografica per promuovere i nuovi e la conseguenza (che è già sotto gli occhi di tutti, in qualsiasi genere) è che solo coloro che sono già affermati sopravvivranno...

cernobeat

Messaggio da cernobeat » 09/06/2010, 1:46

la musica va sostenuta con i soldini e non con le belle parole e i valori di condivisione.che condivida chi vuole condividere,chi vuuole ricevere qualcosa dalle proprie fatiche(e dai propri sacrifici economici) ne ha il sacrosanto diritto.
un artista qualuncue esso sia se venisse portato alla situazione di dover campare solo sulle esibizioni dubito che risentano in positivo le produzioni,ne tantomeno la qualità della vita dell'artista(sai che bello vivere con il terrore di non far più serate).
io che m'incazzo a vedere la gente che si scarica montagne di cd,e poi si compra l'ultimo minchiophone in circolazione,va in gro in tiro come nababbo del cazzo,si guardasse allo specchio e si chiedesse cosa gli ha dato la musica?come ho ricambiato?basta veramente il biglieto di una serata e la maglietta?e se uno (come me) non puo permettersi di andare spesso alle serate cosa diventerebbe?uno scroccone allo stadio terminale?
io non la capico sta gentel,io mi smazzo dalla mattina alla sera ( e grazie a dio sto a lavorare a casa mia) e tutto ma proprio tutto quello che posso lo spendo tra il negozio di dischi,quello di strumenti ( e per quanto cositno poco i vst e le librerie io la vedo ancora dura),e le serate.qusto è il mio modo di vivere,la musica è vita?allora vivi per la musica!almeno finchè una moretta non t'incastra ;)

Rispondi

Torna a “Riflessioni musicali”