Breve guida alla musica Hardcore: origini, stili, influenze

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 28/04/2009, 14:40

Breve guida alla musica Hardcore: origini, stili, influenze



PREMESSA

Ho creato questa guida contenente la breve storia dell'Hardcore, e tutti i principali sottogeneri e derivati, per chiunque fosse nuovo dell'ambiente o semplicemente volesse conoscere qualcosa di più.

Vi invito a non prendere questa piccola guida come oro colato, ma ho cercato di essere il più obiettivo ed esaustivo possibile.
Per quanto riguarda le origini dell'hardcore molte sono le divergenze a riguardo. Ho cercato di selezionare le fonti che personalmente in base alla mia cultura musicale mi parevano più attendibili.

Purtroppo dire tutto quello che ci sarebbe da dire rasenta l'impossibile.
Se ci fosse qualche consiglio per rendere questa guida più completa vi invito a collaborare senza esitazione.




STORIA DELL'HARDCORE OLANDESE

La nascita della musica Hardcore come genere autonomo viene genericamente fatta risalire a Rotterdam sull'inizio degli anni '90 da parte di artisti come Paul Elstak, Richard van Naamen, Rob Fabrie, Danny Scholte, Maurice Steenbergen (la prima traccia ufficialmente hardcore è in genere considerata Poing dei Rotterdam Termination Source), anche se altri ritengono il sound techno industriale del tedesco Marc Acardipane il vero precursore del genere.
Già si potevano riscontrare sonorità di questo tipo in molti brani techno a partire dalla fine degli anni '80 soprattutto in Germania, Belgio ma anche in Italia oltre che Olanda (si veda appunto Acardipane a Francoforte, ma anche Digital Boy in Italia) che oggi vengono definiti "Old School Hardcore", ma che raramente raggiungevano una propria identità come genere musicale o come sottocultura, e venivano più spesso visti come uno stile della techno.
Questi artisti lavorando su dei campionatori, dalla originaria techno degli anni '90 del periodo dello "zanzarismo" hanno cominciato ad ottenere le prime casse distorte inizialmente quasi per errore.

Gabber in olandese, anzi in un dialetto amsterdamese/yiddish, vuol dire compagno, amico, fratello e tutti i ragazzi che ascoltavano questa musica si salutavano con il saluto "Hoi gabber".
Voci al limite della leggenda vogliono che questa usanza sia nata quasi per scherzo dopo che un ragazzo appassionato di Hardcore sia stato allontanato da una discoteca che per quella serata prevedeva abbigliamento elegante: "mi spiace fratello, tu non puoi entrare!".

In questo periodo molti tifosi del Feyenoord, la principale squadra di calcio di Rotterdam oltre allo Sparta, con le loro teste rasate erano noti amare questa musica. Prima delle partite contro l'Ajax (acerrima "nemica" di sempre con cui vengono ogni volta fuori dei veri e propri derby data la famosa rivalita' tra Amsterdam e Rotterdam che possiamo considerare come da noi tipo Bergamo-Brescia) la maggior parte dei tifosi del Feyenoord gridavano: "Amsterdam, waar lech dat dan?" ovvero "Amsterdam? dove cazzo sta?" Il piccolo negozio di dischi Midtown a Nieuwe Binnenweg a Rotterdam (tutt'ora esistente e molto piu' grande) era l'unico posto dove acquistare la musica gabber. Mentre una radio locale a Rotterdam (Stads Radio Rotterdam) cominciò a trasmettere il primo programma hardcore: Turbulentie. Il Parkzicht di Rotterdam si puo' definire come il vero e primissimo locale gabber nel mondo. Le tracce più famose di questo periodo erano "Alles naar de klote","Amsterdam, waar lecht dat dan?", "Rotterdam, ech wel" e tracce di Holy Noise (Dj Paul e Dj Waxweazle adesso noto come Headbanger) e più tardi da DJ Hooligan. Tracce di Euromasters "Alles naar de klote" (tutto e andato di merda) e Holy Noise "The Nightmare" era arrivate in cima a tutte le charts. Non a caso si cominciavano ad organizzare proprio grazie a Dj Paul i "Nightmares in Rotterdam" e i primi "Megarave".

La musica gabber diveniva molto popolare, specialmente a Rotterdam. In quel periodo la gabber era riferita principalmente con i tifosi di calcio ed era categorizzata dai mass-media come un ballo degli hooligans. Dopo questo periodo iniziale la musica gabber è divenuta più che un genere musicale, un vero e proprio stile di vita, creando attorno a se una ben definita sottocultura giovanile, anche se per molto tempo diffusa solo nell'area di Rotterdam.

Successivamente la musica gabber divenne più popolare anche fuori Rotterdam. The Hague (L'Aia) Dordrecht (dove fu fondata la Ruffneck dal gruppo XSV) fu una delle prime città ad affermarsi dopo Rotterdam. La vita notturna di Amsterdam fino a quel momento era principalmente Mellow, ovvero "dolce" (in Olanda viene definito Mellow tutto quello che non è hardcore secondo un punto di vista gabber), benché la ID&T altra famosissima label organizzatrice dei Thunderdome fosse sita nei pressi di Amsterdam ovvero Wormerveer.
I Dj di Rotterdam e di Den Haag diffondevano la musica gabber e il suo stile di vita in tutta l'Olanda. DJ Paul fondò la Rotterdam records, storica etichetta discografica hardcore, e fu il primo ad usare la parola "gabber" sul retro di un disco (il Rotterdam records 01) dove si trova scritto "Be proud 2 be a gabber".

Molto più tardi Dj Paul produsse dischi un po' più facili all'ascolto delle persone fuori dal mondo dell'Hardcore, più melodici, perché da fenomeno "underground" questa musica stava diventando di massa. E' in questo periodo che si sviluppa l'Happy Hardcore.
Intorno al 1994 alcuni Dj olandesi cominciarono ad organizzare serate in Germania, come risultato di questo essi vennero influenzati dalla musica tedesca dei rave, soprattutto nella zona di Francoforte dove dominava un certo Marc Acardipane, contendente il primato di "inventore dell'hardcore" assieme a Paul, con la sua etichetta P.C.P. ovvero Planet Core Productions ora trasferita ad Amburgo.

Successivamente dall'early hardcore nacquero altri differenti stili: hardcore main style, happy hardcore, industrial, terror, speedcore e altri sottogeneri dalle più svariate influenze in base anche al contesto geografico in cui si sono sviluppati.
Attualmente l'hardcore è diffusa in tutto il mondo: in Spagna ed Inghilterra i filoni più seguiti sono quello happy (Evolution Records); in Italia e nord Europa quello più tipicamente "mainstream" (Enzyme, Masters of Hardcore, Traxtorm, Neophyte Records etc.); in Francia l'hardcore ha teso a fondersi con la cultura del "rave party", dando vita a generi come la l'Hardtek negli anni '90 e la Frenchcore all'inizio XXI secolo (Audiogenic); negli Stati Uniti, si è sviluppata soprattutto a Detroit, che fu già la culla della Techno nella prima metà degli anni '80 (H2OH, Industrial Strength).



PRINCIPALI SOTTOGENERI E GENERI DERIVATI O INFLUENZATI DALL'HARDCORE

in ordine di apparizione cronologica.
Le voci interamente in blu scuro sono i sottogeneri non "ufficiali" o scarsamente affermati.
Per ogni stile sono riportati alcuni artisti (Dj e/o produttori) come esempio, cercando di variare il più possibile nello spazio e nel tempo per dare un'idea il più possibilmente ampia.


Old school
Suono techno a cavallo tra il 1980 e il 1990. Le sonorità erano "povere" anche se tuttavia i vari stili e generi moderni Hardcore sono derivati da questo tipo di musica (130/140 BPM al massimo). La moderna Jumpstyle e Hardstyle non è altro che modifica radicale all'old school: basta ascoltare un moderno brano jump, e (per esempio) la vecchia traccia Face down, ass up di DJ Isaac (questo artista ora produce a tutti gli effetti hardstyle e jumpstyle). Si nota che le sonorità sono praticamente identiche!
Alcuni artisti: Marc Acardipane, Rotterdam Termination Source, Isaac

Old Style
Hardcore storica prodotta fra il '93 e il '98. Casse 909 generalmente dritte e poco distorte, melodie semplici ed orecchiabili con suoni ronzanti sono le caratteristiche principali. E' uno stile dalle molteplici sfaccettature, da un lato tracce molto spinte ed energiche (che si avvicinano alla "Terror" o all'"Industrial"), dall'altro tracce più lente ed orecchiabili talvolta con influenze progressive (160/200 BPM).
Alcuni artisti: Party Animals, G-Town Madness, Stunned Guys, Neophyte, Darien Kelly, Euromasters, Diss Reaction, 3 Steps Ahead, Bodylotion, Lenny Dee

Happy Hardcore
Genere veloce e allegro che presenta spesso voci accelerate e pianoforti. Se a tratti si esprime in modo superficiale e "demenziale" in altri casi invece emerge con vocal e melodie di tutto rispetto (180/200 BPM).
Nasce in America negli anni '90, ma trova fortuna anche in Spagna (dove è conosciuta come "Makina" ) e soprattutto in Inghilterra ("UK Hardcore" ), dove diviene il sottogenere dell'Hardcore più seguito. In realtà è da considerare che si tratta di un genere molto variegato, che ha diverse sfumature a seconda dell'area geografica: il sound inglese ricorda spesso le sonorità "Dance, quello spagnolo presenta suoni ed accorgimenti stilistici tipici della Techno e della Progressive (si veda talvolta l'uso del basso in terzine e non al levare in 4/4), l'Happy Hardcore olandese è ancora differente, spesso allegra, e talvolta si ricollega all'Old Style.
Alcuni artisti: Neophyte, Bodylotion, Buzz Fuzz, Luna C, Scott Brown, Darren Styles, Breeze, Brisk, Ham, Re-coon, Hixxy, Xavi Metralla, Critical Mass, 4 Tune Fairytales, Brothers in Crime, Dune, Charly Lownoise & Mental Theo, Mark Oh

Artcore
Sottogenere dell'Oldstyle ideato da Ruffneck. Caratterizzato da grande presenza di breakbeat e melodie juno (180 BPM).
Alcuni artisti: Ruffneck, The Twins Artcore, Wedlock, Nosferatu, Knight Vision, Predator, Vanugenth The 5th, Juggernaut

Hardtekno
Nasce negli anni '90, ed è caratterizzata da loop di voci campionate e distorte e composta da casse monotone e scure. E' la musica che più domina la scena rave di oggi. Spesso vengono anche usate melodie simili a quelle dei primi videogame come suoni e struttura. Spesso si abbandona lo stile gabber per creare quello squatter o punkabbestia, finendo in un genere più underground (dato che la si può ascoltare quasi esclusivamente ai rave) ed illegale. "Facile" da comporre con drum machine o computer e "facile" da mixare con giradischi, essendo caratterizzata da un sound minimale e lineare. Tradizionalmente prodotta in Francia, si è diffusa un po' in tutta Europa grazie ai rave. Da non confondersi con l'Hard Techno. (160/200 BPM).
Alcuni artisti: Narkotek, Nonem, Trakkass, Floxytek, Metek, Fky, Teknambul, Gotek, Roms

Nu Style
In passato, dal 1999 al 2001, era chiamata New Style. È un genere più "hard" rispetto all'Hardcore "happy", ma più lenta e ritmata. La Nu Style è caratterizzata da melodie e semplici sonorità, altamente ballabili. I BPM variano dai 140 ai 160. Oggi è preferibile chiamarla Nu-Style dato che il termine new viene utilizzato da molti per indicare la nuova Hardcore, (prodotta dal 2000 in poi) che oggi ha in toto sostituito completamente l'Hardcore Oldstyle e la vecchia Hardcore Nu-Style, infatti è una sorta di "compromesso" tra i due stili; in questa lista si trova alla voce Main style (Stile Hardcore principale). Ormai la musica Hardcore Nu-style non viene più prodotta, la sua erede ufficiale è il genere musicale Jumpstyle.
Alcuni artisti: Da Tekno Warrior, Mark V, Poogie Bear, Bassdrum Project, The Dark Raver

Classixx
Nominativo usato per indicare i maggiori successi della musica Old-School/Style (140/200 BPM).
Alcuni artisti: Darien Kelly, Rotterdam Termination Source


Gloomcore
Sottogenere dell'Oldstyle ideato dalla casa discografica PCP e dal Dj tedesco Marc Acardipane. Ritmo lento, suoni e melodie cupe. La cassa è spesso secca e non eccessivamente distorta. A volte viene suonata ad inizio di un set dark o industriale, ma comunque è un genere estremamente marginale, quasi del tutto scomparso a parte qualche label. (150/160 BPM).
Alcuni artisti: Manu le Malin, Dr. Macabre, Marc Acardipane

Gabber
Nominativo usato talvolta per indicare quella parte della musica Old Stylecaratterizzata da un suono particolarmente veloce ed aggressivo. Talvolta melodica. Ha in alcuni casi gettato le basi per l'Hardcore Industrial e la Terror. (190/210 BPM).
Alcuni artisti: Shadowland Terrorists, 3-Steps Ahead, Lenny Dee, Jappo & Lancinhouse, Piccolo Kimico, Omar Santana, Micropoint, Walter One, Jassi James


Main style
Genere moderno predominante sviluppatosi all'inizio del XXI secolo, chiamato da molti semplicemente Hardcore, caratterizzato dalla grande durezza dei suoni. Estesi pezzi di cassa e intermezzi molto curati. Generalmente impostata su melodie molto curate e vocal ritmati e hip-hop (165/190 BPM).
Alcuni artisti: The Stunned Guys, Endymion, Neophyte, Tha Playah, Art of Fighters, Ophidian, Omar Santana, Amnesys, Alien T

Industrial
Hardcore sperimentale ballabile e con pochissimi accenni melodici. Sonorità ricercate e particolari basate soprattutto su giochi di cassa (180/250 BPM). In realtà l'Industrial è nato come un genere a parte, le cui sonorità si sono evolute velocemente e sebbene recentemente alcuni esperimenti l'abbiano portata vicino all'Hardcore, rimane comunque un genere derivante dal Rock. Altre influenze (non Hardcore) hanno portato il genere a toccare il Goth e il Dark, oltre che il Metal e il Post-Punk, rendendolo uno stile comune a molti generi musicali. Uno dei sottogeneri hardcore più diffusi si è sviluppato in Gran Bretagna, cassa dura ed elevatissimo uso di breaks, tricks di cassa e stop and go, oltre alle percussioni molto ritmate, si trovano spesso vocal hip-hop e suoni d'atmosfera. Molto differente l'Hardcore industriale vicina alla corrente Francese, Tedesca e Russa, che prevede una cassa più gonfia e distorta, suoni ritmici, distorti e meccanici che negli ultimi anni l'hanno avvicinata molto alla Frenchcore.
Alcuni artisti: Micropoint, The Speed Freak, Hellfish, The Producer, Angerfist, Unexist, Cardiak

Terror
Genere estremo ma, in genere secondo comunque alla speedcore. L'estremità qui viene accentuata soprattutto dalle sonorità spesso macabre e distorte. Spesso La Terror si avvicina per sonorità come vocal scream o growl, riff di chitarra, ritmica estrema ed incalzante, a generi estremi del rock come il Grind ed il Gore Metal. Ampio uso del compressore su loop di vocal e suoni. Inizialmente affine alla gabber, superarva raramente i 230 battiti al minuto ma si è estremizzata con il tempo. Velocità variabile ma solitamente elevata (240/300 BPM).
Alcuni artisti: The Destroyer, DJ Skinhead, Noisekick, Drokz, Akira, David lagon

Frenchcore
Genere veloce e ritmato proposto soprattutto in Francia. E' caratterizzato da sonorità "da rave" basate particolarmente sulla ritmica piuttosto che sulla melodia, per molti versi può risultare simile all'hardtek. Può avere influenze Industrial. I vocal sono spesso hip hop. (190/240BPM).
Alcuni artisti: Radium, The Sickest Squad, Micropoint, Roms, The Speedfreak, Liquid Blasted, Androgyn Network, Mastermind, D.O.M.

Speedcore
Il genere più estremo, sviluppatosi inizialmente in Germania intorno al 2000, dotato di una grande durezza è di una velocità estrema. Sonorità semplicissime e devastanti riprese dall'hardcore classica come scream, cassa secca (una cassa più dinamica non potrebbe suonare a quelle velocità), suoni distorti e grande uso di loop. (300/3600 BPM).
Alcuni artisti: Frazzbass, Rotello, Noizefucker, Noisekick, Drokz, Komprex

Trashcore
A metà tra Speecore e Gabber, casse meno dominanti, piatti e clapper molto accentuati e sporchi (190/250 BPM). Rumori particolarmente distorti e fastidiosi, caratterizzati da un effetto generico di "scarsa qualità". The Destroyer tutt'ora usa un Amiga 500 per creare i suoni migliori.
Alcuni artisti: The Destroyer, Ron D Core, Nasenbluten

Darkcore
Sottogenere dell'Hardcore Mainstyle cupo, lento ed in certi casi melodico. Casse distorte ed urlanti, grande uso di vocal misteriosi campionati da film (in genere thriller e horror). Date queste sonorità, è il diretto derivato della gloom core, alla quale sono state aggiunte molte influenze dalla musica industriale. La ritmica è spesso terzinata (150/170 BPM).
Alcuni artisti: Ophidian, Nosferatu, Enzyme X, The Outside Agency

New Industrial
Compromesso tra Industrial e Darkcore, suoni macchinosi tuttavia più lenti rispetto all'Industrial ma più puliti rispetto alla Darkcore (150/200 BPM).
Alcuni artisti: Ophidian, Enzyme X, Tieum, Tymon, E-Noid, The Nihilist, Unexist

Hardstyle
Le sonorità Hardstyle, sono una mescolanza tra quella che pochissimi anni prima veniva definita progressive e/o hardtrance, con grosse influenze Hardcore Oldschool. Nasce a Roma, da DJ Vortex, e inizialmente viene catalogata come un derivato della Techno, con una cassa particolarmente marcata e un basso distorto ("cassa romana"). In breve tempo sono molti gli artisti hardcore (in particolare olandesi) che abbracciano e sposano le sonorità di questo nuovo genere musicale, influenzandolo pesantemente, e dandogli il nome che tuttora porta. Cassa lenta e potente, suoni "New Style" maggiormente distorti, talvolta melodie ben curate. (140/160 BPM).
Alcuni artisti: Vortex, Lady Dana, Tatanka, Daniele Mondello, Zany, The Prophet, Duro, Headhunterz

Clowncore
Sottogenere della Darkcore caratterizzato da sonorità trequarteggiate o in terzine, e melodie distorte, semplici e talvolta grottesche (150/170 BPM).
Alcuni artisti: Meccano Twins, Tommyknocker, Mad Dog, Nosferatu

Jumpstyle
Molto simile alla vecchia Oldskool e alla New Style, di fatto ne è il successore. Ha riscosso notevole popolarità nei rave hardcore olandesi nel 2004 e 2005, e ha trovato il maggior numero di adepti in Belgio. (140/150 BPM).
Alcuni artisti: DJ Tony, Genius, Franky Carbone, Da Hustlerz, DJ Ruthless, Vorwerk, Greg C, Lobotomi Inc

Breakcore
Definite così alcune tracce dalle sonorità New Industrial caratterizzate da pochissima presenza di "cassa dritta" e grande quantità di break beat. Forti le influenze dalla D&B soprattutto nelle pause. Molto sviluppata specie sul web, con compilation online e net-label, che comunque spaziano molto come sonorità e sono difficilmente etichettabili. Ricordo che la vera è propria Breakcore è in realtà un genere a se stante che poco ha a che vedere con l'Hardcore. (150/190 BPM).
Alcuni artisti: Ancronix, Deejay Fox

New Frenchcore
Per distinguerla dalla sua versione "classica", sono solito definire in questo modo il sottogenere della Frenchcore più lento, ritmato e sperimentale in modo da creare un parallelismo con la New Industrial.
Non vorrei creare confusione definendo troppi sottogeneri, dato che si tratta di uno stile che conta ancora ben poche produzioni. La mia intenzione è quella di mettere in guardia coloro che lo prendono erroneamente come uno standard della Frenchcore, quando in realtà si tratta di uno stile decisamente diverso. Il suono della cassa particolarmente pieno e potente, è' più simile alla Main Style per struttura. In alcuni casi può avere melodie curate e ricercate tipiche della Main Style. Date le sue numerose variazioni dalla Frenchcore delle origini ed il suo carattere controverso, è più facile ascoltarla nelle serate Main, piuttosto che in quelle Frenchcore e Industrial. (140/200 BPM).
Alcuni artisti: Radium, Angerfist, Hunterwolf, Lenny Dee, Randy, The Sickest Squad, The Nihilist


Schranz
Talvolta definita erroneamente anche Hard Techno (in realtà l'Hard Techno è un genere a se stante, da non confondere con l'Hardtekno) è uno stile di origine tedesca, l'attuale scena underground ha contaminazioni Industrial. Raramente si trova suonata in club in Italia, più spesso è invece proposta in club tedeschi, svizzeri, spagnoli o dell' Europa dell'Est (Slovenia, Polonia e Ungheria in primis ma anche Ucraina e Bulgaria). La Schranz si differenzia in alcuni casi nella struttura ritmica, rispetto alla techno, formata in 4/4; infatti accade molto spesso che le misure siano divise in terzine o addirittura cinquine e che queste non mantengano un ordine preciso nella stesura dei loop. (150/170 BPM).
Alcuni artisti: Pet Duo, Umek, Chris Liebing, Robert Natus, Sven Wittekind, Felix Krocher, Arkus P, Rush

Extratone
Nominativo utilizzato per definire la corrente più estrema e sperimentale della Speedcore. Si tratta quasi esclusivamente di pura sperimentazione sonora, dal momento che una velocità così vicina al più elevato concetto di BPM concepibile in natura tende ad appiattire ogni aspetto ritmico del brano. (1000/3600 BPM).
Alcuni artisti: Nihil Fist, Daisy Cutter, Kurwastyle Project, Pulemet, Mr. Q8, Heptotrocitron, Distorded Output, BAAL, Egnal Ramd, Evil of Pain, Okcid, The Quotes, PowerNoize



CREDITS

principali fonti
http://it.wikipedia.org/
http://www.discogs.com/
http://www.gabberplanet.it/

written by Hunterwolf - http://www.paranoiax.com/hunterwolf/



Vitto

Messaggio da Vitto » 28/04/2009, 15:02

complimenti per lo sbatti :clap:

Avatar utente
Alex b Hard
Messaggi: 5389
Iscritto il: 26/04/2009, 13:05
Località: CH
Contatta:

Messaggio da Alex b Hard » 28/04/2009, 15:45

Complimenti veramente...queste cse sono sempre utili :clap:
Ne approfitto per fare una domanda ke avevo già posto nel vecchio forum. Cosa intendi come sonorità trequarteggiante ?
Se non ricordo male Marco ( Alien T) aveva cercato di spiegarmi cosa significa terzinata, che immagino sia la stessa cosa di trequarteggiante, però non sono ankora in chiaro :lol:

Emanuela_muaO

Messaggio da Emanuela_muaO » 28/04/2009, 16:04

Grandissimo!!!
:clap:

gbrinaina

Messaggio da gbrinaina » 28/04/2009, 16:31

gia bravo! comunque in artisti happy hardcore metterei questi più ke altro...
critical mass
4 tune fairytales
Brothers in Crime
dune
Charly e theo
mark oh
gli euromasternn li giudicherei molto happy, hanno suoni particolarissimi e acapelle anke loro stranissime, sn stravekkie e se le dovessi suonare certamente cn la oldstyle nn certo cn la happy...

e in jumpstyle aggiunderei Greg c e lobotomi inc!

in oldstyle avrei messo tantissimi nomi diversi...

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 28/04/2009, 16:49

Alex b Hard ha scritto:Complimenti veramente...queste cse sono sempre utili :clap:
Ne approfitto per fare una domanda ke avevo già posto nel vecchio forum. Cosa intendi come sonorità trequarteggiante ?
Se non ricordo male Marco ( Alien T) aveva cercato di spiegarmi cosa significa terzinata, che immagino sia la stessa cosa di trequarteggiante, però non sono ankora in chiaro :lol:
ti porterò come esempio le ritmiche del valzer: tun za za tun za za tun za za :D se non hai capito provo a farti un esempio + pratico ^^

Buby GBR

Messaggio da Buby GBR » 28/04/2009, 17:01

complimentoni!!!!!! :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap:

Folgore22

Messaggio da Folgore22 » 28/04/2009, 17:50

dovrebbero metterlo in evidenza questo topic

complimenti davvero, molti dubbi ora sono risolti

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 28/04/2009, 17:54

si infatti sarà da mettere in evidenza! io non posso

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 28/04/2009, 18:29

Bellissimo, una sorta di vecchia storia che c'era su GP. Utilissima, io a breve ne volevo aprire uno riguardante in particolar modo l'Italian, magari te lo inserisco nel tuo primo post editandolo, così son tutti e 2 insieme dato che sono molto similari e utili allo stesso tempo! ;) e poi si potrà discutere ampiamente sia della storia estera che italiana.

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 28/04/2009, 18:38

certo gid!!! magari fammelo leggere prima ^^ cmq mi sembra un'ottima idea! ci avevo già pensato anke io, anche se per ora non ho avuto tempo

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 28/04/2009, 18:39

Ottimo a breve te lo mando :)

Avatar utente
Alex b Hard
Messaggi: 5389
Iscritto il: 26/04/2009, 13:05
Località: CH
Contatta:

Messaggio da Alex b Hard » 28/04/2009, 19:47

Hunterwolf ha scritto:
Alex b Hard ha scritto:Complimenti veramente...queste cse sono sempre utili :clap:
Ne approfitto per fare una domanda ke avevo già posto nel vecchio forum. Cosa intendi come sonorità trequarteggiante ?
Se non ricordo male Marco ( Alien T) aveva cercato di spiegarmi cosa significa terzinata, che immagino sia la stessa cosa di trequarteggiante, però non sono ankora in chiaro :lol:
ti porterò come esempio le ritmiche del valzer: tun za za tun za za tun za za :D se non hai capito provo a farti un esempio + pratico ^^
mh forse ho capito...ora ora come mi viene in mente Kick that shit di Mad Dog...ora provo ad riascoltarla

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 28/04/2009, 20:11

no quella nn è proprio in terzine.. senti i piattini (e anche la cassa segmentata ke c'è nell'intro) di the middle children

ce ne sono 3 per ogni battito essendo in terzine, se fossero 4/4 perfetti ce ne sarebbero 4 o 2...

Avatar utente
Alex b Hard
Messaggi: 5389
Iscritto il: 26/04/2009, 13:05
Località: CH
Contatta:

Messaggio da Alex b Hard » 28/04/2009, 20:18

mhhh xkè nn li sentoooo :evil: in Cameltoe si capisce qlcs...ma in TMC nn sento :uhm:

tiaaa

Messaggio da tiaaa » 28/04/2009, 20:18

davvero 1 bel lavoro...c ho messo 1 po a leggerlo tutto...xo...mm davvero interessante :yeah:

X-Steria[Gabbaraver]

Messaggio da X-Steria[Gabbaraver] » 28/04/2009, 20:39

bello sbatti socio! :D ma tutto molto bello ;)

Paul HaRdCoRe GbR

Messaggio da Paul HaRdCoRe GbR » 28/04/2009, 21:09

Bel Lavoro :yeah: :yeah: :yeah:

Griffo GBR

Messaggio da Griffo GBR » 28/04/2009, 23:24

Grandissimo Hunterwolf!!!! :clap: :clap: :clap: :clap:

ottimo lavoro e sopratutto utilissimo :clap: :clap: :clap:

reflecti

Messaggio da reflecti » 30/04/2009, 12:33

complimenti per lo sbattimento innanzitutto! bella ed utile raccolta, pero se permetti secondo la mia opinione ci sono delle cose un po da rivedere :o
Hunterwolf ha scritto: Industrial
Hardcore sperimentale ballabile e con pochissimi accenni melodici. Sonorità ricercate e particolari basate soprattutto su giochi di cassa (200/250 BPM). In realtà l'Industrial è un genere a parte, le cui sonorità si sono evolute velocemente e sebbene recentemente alcuni esperimenti l'abbiano portata vicino all'Hardcore, l'Industrial rimane comunque un genere derivante dal Rock. Altre influenze hanno portato il genere a toccare il Goth e il Dark, oltre che il Metal e il Post-Punk, rendendolo uno stile comune a molti generi musicali.
Alcuni artisti: Micropoint, The Speed Freak, Hellfish, The Producer, Angerfist, Unexist
questo che hai descritto mi pare l industriale rock, "suonato", nulla a che vedere con la musica elettronica industriale...come la hardcore techno e il punk hardcore ad esempio... sempre hanno la parola hardcore, ma nn c entrano nulla l uno con l altro..




Hunterwolf ha scritto:Breakcore
Sonorità New Industrial caratterizzate da pochissima presenza di "cassa dritta" e grande quantità di break beat. Per certi versi (molto alla lontana) il discendente dell'Artcore. Forti le influenze dalla D&B. (150/190 BPM).
Alcuni artisti: Ancronix, Deejay Fox
cosa centra con la new industrial e la artcore la breakcore? o_o il fatto che campionino tutti dei breakbeats mica vuol dire che sono generi simili o che uno derivi per forza dall altro.. la breakcore c entra poco con l hardcore, è un estremizzazione della d'n'b, dell' idm e dei breaks, molto sviluppata specie sul web, con compilation online e net-label, che comunque spaziano molto come sonorità e sono difficilmente etichettabili.
Hunterwolf ha scritto:New Frenchcore
Per distinguerla dalla sua versione "classica", sono solito definire in questo modo il sottogenere della Frenchcore più lento, ritmato e sperimentale, in modo da creare un parallelismo con la New Industrial.
Il suono della cassa particolarmente pieno e potente. E' più simile alla Main Style per struttura. In rarissimi casi (Radium, Hunterwolf, Angerfist) può avere melodie curate e ricercate tipiche della Main Style. Date le sue numerose variazioni dalla Frenchcore delle origini ed il suo carattere controverso, è più facile ascoltarla nelle serate Main, piuttosto che in quelle Frenchcore e Industrial. (140/200 BPM).
Alcuni artisti: Radium, Angerfist, Hunterwolf, Lenny Dee, Randy, The Sickest Squad, The Nihilist
new frenchcore? ma quella che descrivi è french... lenta quanto vuoi ma french....

poi non ho capito cosa c entrano l hardtek, la schranz e l hardstyle.. sono generi nati dalla techno.. ( ma forse ho capito male io il motivo per cui li hai messi )

ribadisco che questa è la mia visione, e cmq ti rifaccio i miei complimenti ;)
:p

Ale

Messaggio da Ale » 30/04/2009, 15:37

Hardcore made in Frankfurt..questa frase dice tutto :-°

Lukino

Messaggio da Lukino » 30/04/2009, 15:45

quoto Ale :yeah:

TeChNoId

Messaggio da TeChNoId » 30/04/2009, 15:51

vivo ha scritto:complimenti per lo sbattimento innanzitutto! bella ed utile raccolta, pero se permetti secondo la mia opinione ci sono delle cose un po da rivedere :o
Hunterwolf ha scritto: Industrial
Hardcore sperimentale ballabile e con pochissimi accenni melodici. Sonorità ricercate e particolari basate soprattutto su giochi di cassa (200/250 BPM). In realtà l'Industrial è un genere a parte, le cui sonorità si sono evolute velocemente e sebbene recentemente alcuni esperimenti l'abbiano portata vicino all'Hardcore, l'Industrial rimane comunque un genere derivante dal Rock. Altre influenze hanno portato il genere a toccare il Goth e il Dark, oltre che il Metal e il Post-Punk, rendendolo uno stile comune a molti generi musicali.
Alcuni artisti: Micropoint, The Speed Freak, Hellfish, The Producer, Angerfist, Unexist
questo che hai descritto mi pare l industriale rock, "suonato", nulla a che vedere con la musica elettronica industriale...come la hardcore techno e il punk hardcore ad esempio... sempre hanno la parola hardcore, ma nn c entrano nulla l uno con l altro..




Hunterwolf ha scritto:Breakcore
Sonorità New Industrial caratterizzate da pochissima presenza di "cassa dritta" e grande quantità di break beat. Per certi versi (molto alla lontana) il discendente dell'Artcore. Forti le influenze dalla D&B. (150/190 BPM).
Alcuni artisti: Ancronix, Deejay Fox
cosa centra con la new industrial e la artcore la breakcore? o_o il fatto che campionino tutti dei breakbeats mica vuol dire che sono generi simili o che uno derivi per forza dall altro.. la breakcore c entra poco con l hardcore, è un estremizzazione della d'n'b, dell' idm e dei breaks, molto sviluppata specie sul web, con compilation online e net-label, che comunque spaziano molto come sonorità e sono difficilmente etichettabili.
Hunterwolf ha scritto:New Frenchcore
Per distinguerla dalla sua versione "classica", sono solito definire in questo modo il sottogenere della Frenchcore più lento, ritmato e sperimentale, in modo da creare un parallelismo con la New Industrial.
Il suono della cassa particolarmente pieno e potente. E' più simile alla Main Style per struttura. In rarissimi casi (Radium, Hunterwolf, Angerfist) può avere melodie curate e ricercate tipiche della Main Style. Date le sue numerose variazioni dalla Frenchcore delle origini ed il suo carattere controverso, è più facile ascoltarla nelle serate Main, piuttosto che in quelle Frenchcore e Industrial. (140/200 BPM).
Alcuni artisti: Radium, Angerfist, Hunterwolf, Lenny Dee, Randy, The Sickest Squad, The Nihilist
new frenchcore? ma quella che descrivi è french... lenta quanto vuoi ma french....

poi non ho capito cosa c entrano l hardtek, la schranz e l hardstyle.. sono generi nati dalla techno.. ( ma forse ho capito male io il motivo per cui li hai messi )

ribadisco che questa è la mia visione, e cmq ti rifaccio i miei complimenti ;)
:p
quoto ogni singola parola

Ale

Messaggio da Ale » 30/04/2009, 15:52

grazie grazie :mrgreen: la storia dell'hardcore è più complessa di quello che sembra..non c'è una citta natale o un anno preciso di nascita...però senza dubbio il primo ha produrre qualcosa di simile all'hardcore è stato acardipane già nell'89...quindi a maggior ragione la città di riferimento dovrebbe essere francoforte ;) anche se sul finire degli anni 80 si parlava di hardcore anche in inghilterra con gruppi come i prodigy e i 4 hero...poi pare che venga catalogata come hardcore anche la traccia energy flash di joey beltram..sempre dell'89...anche in Italia con Digital Boy e altri produttori non eravamo messi male...anni 1990-1991..mi vengono in mente DHS-The house of god e The age of love-The age of love..delle canzoni old school ormai dei classici.. prodotte in Italia in quegli anni..

reflecti

Messaggio da reflecti » 30/04/2009, 15:54

TeChNoId ha scritto: quoto ogni singola parola
:yeah:

TeChNoId

Messaggio da TeChNoId » 30/04/2009, 15:56

che poi i sickest squad non c'entrano niente con quella che tu definisci "new frenchcore" (che io definirei semplicemente frenchcore un po più lenta e "commerciale")...loro si definiscono "italian sick-core" o qualcosa del genere ma sempre french è,e sopratutto canzoni lente dei sickest squaq si contano sulle dita di una mano!
per finire...angerfist avrà fatto 3/4 canzoni al massimo con un impronta frenchcore ;)

Lukino

Messaggio da Lukino » 30/04/2009, 15:56

ma a parte tutto anke la happy ha una storia piu complessa, direi che sarebbe il caso di spendere un bel paragrafo sulla germania e sulla Low Spirits Recordings ( :$ )... ma poi, una domanda, da quando Neophyte, Luna e Zany producono Happy? :uhm:

reflecti

Messaggio da reflecti » 30/04/2009, 16:02

avoja se ci sarebbe da dire sulla happy :$

Ale

Messaggio da Ale » 30/04/2009, 17:56

e già anche la happy dovrebbe essere trattata con un capitolo a se...io la dividerei in 3 filoni..uk hardcore..happy olandese e quella tedesca(esempio interactive,marusha,RMB,Dune) ognuno con artisti di riferimento e una propria situazione a livello di feste ed altro

reflecti

Messaggio da reflecti » 30/04/2009, 18:06

penso che la happy olandese si rifaccia essenzialmente alla hardcore...magari con influenze dance
mentre quella tedesca e quella inglese, le vedo più "dance anni '90"...
cioè ascoltando scott brown, o i cd di sy,dougal,hixxy,brisk,ham etc, si nota che con la hardcore non ha nulla a che fare

poi ci sarebbe pure la makina... :-°

Rispondi

Torna a “Generi e stili”