Mixaggio

Info e riflessioni sull'arte del mixare e del produrre musica
Rispondi
++stefano++

Messaggio da ++stefano++ » 05/12/2010, 19:47

ciao a tutti,
volevo chiedervi qualche consiglio/opinione sul missaggio in produzione.
Mi capita spesso di non riuscire a far distinguere bene i suoni e a farli impastare troppo..con il risultato di rendere il pezzo faticoso all'ascolto e non riuscendo a definirlo bene,per esempio sui synth le medio-alte non riesco a tenerle sotto controllo e se provo a equalizzare in sottrattiva ,cioè andando a tagliare le frequenze che reputo colpevoli, mi capita spesso di snaturare il suono e di non sentirlo più bello come prima, cosa SIMILE anche per la parte ritmica,snare,, piatti ,crash.ecc
Voi come trattate i suoni per renderli definiti , puliti e scintillanti?
Mi aspetto una risposta del tipo . . . usa ava e vedi come lava....ma non è quella che cerco... :mrgreen:

A parte gli scherzi come lavorate, ci sono dei parametri da seguire a grandi linee?

grazie :yeah:



X-MIND

Messaggio da X-MIND » 06/12/2010, 19:40

io lavoro cosi:
-dai un picco alla cassa sui 55hz
-tutto quello che non é cassa tagliato sotto i 100hz
-snare , crash a hi hat dagli un picco sui 500hz (lo snare prova a schiarirlo sopra i 2000)
voci maschili dagli un picco sui 1kz
voci femmunili sui 1.5kz
taglia tutto sopra i 20000

Avatar utente
WXL
Messaggi: 3451
Iscritto il: 16/05/2009, 11:33

Messaggio da WXL » 06/12/2010, 19:52

non so se posso intromettermi nel discorso, se hai bisogno di altri chiarimenti te continua pure :yeah:
io invece vorrei partire dal livello base :lol:
come funziona il missaggio? io più che regolare i volumi non sono capace :lol:
c'è bisogno di SW particolari?
sempre se avete voglia :yeah:

X-MIND

Messaggio da X-MIND » 06/12/2010, 21:05

teoricamente si, c'é bisogno di software che definirei dedicati piu che particolari. ci sono software di mastering specifici per singoli obbiettivi. un esempio é quello del simulatore di saturazione nastro che alcuni usano sullo snare per dare un suono caldo alla percussione.
comunque,quello che ti serve per un missaggio é un banale eq. ne trovi decine freeware da scaricare.
http://www.wavosaur.com/vst/eq-plugins.php

Avatar utente
WXL
Messaggi: 3451
Iscritto il: 16/05/2009, 11:33

Messaggio da WXL » 06/12/2010, 21:08

e ma il problema è che io uso reason a reason non posso aggiungere vst..come potrei fare?
fare tracce con reason caricarle in FL può essere una soluzione? :yeah:

X-MIND

Messaggio da X-MIND » 06/12/2010, 21:25

in rewire? certo! ma non credo che reason non abbia equalizzatori interni

++stefano++

Messaggio da ++stefano++ » 08/12/2010, 13:57

grazie per le risposte. :yeah:

pensandoci bene forse bisogna riportare il discorso più a monte, ovvero qual'è l'impostazione di lavoro partendo dal settaggio del livello del Bus del Master,io lo setto a -6 db per avere un'ampia headroom per eseguire i processi di finalizzazione.
A questo punto inizio a crearmi la cassa usando un distorsore , equalizzandola e comprimendola per cercare di dargli la botta necessaria e controllo che il livello del meter del canale non vada in distorsione.
Successivamente inizio a creare il groove percussivo e cerco di incastrarlo con la cassa ,ovvero che si sentano tutti i suoni ben distinti ,processando ogni singolo suono e inviandoli ad un canale gruppo successivamente.
Fin qui pochi suoni e tutto ok, ovvero si sentono bene tutti,man mano che la traccia prende vita ed inserendo synth, voci e suoni di contorno iniziano i problemi ,non riuscendo piu a gestire niente..
Se qualche bravo producer con le conoscenze e le idee chiare potesse illuminarmi come lavorare bene gliene sarei grato, io sono più di 5 anni che smanetto ma non sono ancora riuscito a raggiungere una qualità audio più che ottima nei miei lavori.
Magari ci sono dei parametri da rispettare , dei tagli da fare su determinate frequenze su i vari suoni,come citava X-MIND prima.
Ma quando dici di enfatizzare su una determinata frequenza il resto delle frequenze come le gestisci? le lasci inalterate, esegui dei tagli?
:?: o_o

grazie a tutti

Avatar utente
WXL
Messaggi: 3451
Iscritto il: 16/05/2009, 11:33

Messaggio da WXL » 08/12/2010, 14:11

X-MIND ha scritto:in rewire? certo! ma non credo che reason non abbia equalizzatori interni
si ne ha uno, essendo che io non ho il 4, ma una versione esageratamente precedente, ma il problema di questo eq è che è così:
Immagine
e non, come ad esempio, quelle di windows media player ( :lol: :lol: ), per dirne uno, quindi non so, anzi, devo imparare ancora coem gestirlo, e se qualcuno ha dei consigli, è ben accetto qualsiasi suggeriment :yeah:

@stefano, mi dispiace non poterti risponderti, per me sei troopo avanti! :lol: :yeah:

X-MIND

Messaggio da X-MIND » 08/12/2010, 18:12

io in genere quando dico di enfatizzare una determinata frequenza includo anche il taglio netto di tutte le frequenze sotto i 100hz (a meno che non si tratti di cassa o basso).
poi comportati per ogni suono in maniera diversa perché ogni progetto é diverso dall'altro.

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 18/12/2010, 15:32

il mixaggio non è per niente facile.. innanzitutto ci sono due scuole di pensiero: fondamentalmente quelli che tolgono, e quelli che aggiungono.
spiego meglio: alcuni preferiscono enfatizzare certe frequenze per risaltare un suono, altri preferiscono togliere le frequenze non necessarie dei vari suoni in modo da risaltare gli altri.
ovviamente una delle due tecniche non esclude l'altra.
esempio: vuoi risaltare i bassi di una cassa? riduci i bassi a tutti gli altri suoni, anzichè pompare i bassi della cassa stessa.
se il tuo mixaggio prevede pochi suoni (come può essere magari per un brano abbastanza minimale) è consigliabile pompare le frequenze interessate dei vari suoni, se invece il brano prevede parecchi suoni che si sovrappongono, molti suggeriscono di utilizzare la seconda tecnica, per non trovarti a dover tenere il master a -30 per non clippare.. anzi! se prediligi la tecnica del "togliere" alla fine sarai in grado di alzare il master ulteriormente.

ovviamente sono tutte cose che vanno a gusti personali, dipende da come ognuno è abituato.
detto questo, quali sono i suoni che non riesci a far star bene insieme? voci? synth?
due cose importanti da considerare:

per i synth sembrerà strano ma abbassare le frequenze particolarmente alte, in molti casi li farà suonar meglio e più definiti. per mantenere un effetto tagliente puoi comunque enfatizzare le armoniche alte, ma sii molto selettivo.

la voce come saprai sta tra i 350 ed i 500 hz, a seconda della profondità, se è maschile e femminile etc, ma il modo per risaltarla NON è alzare queste frequenze, ma andare a lavorare sulle armoniche che essa produce (cosa che vale per tutto, molte volte il modo migliore per far suonare qualcosa non è alzare le frequenze dove sta, ma le frequenze dove non sta.. no non sono pazzo xD).
nel caso appunto della voce prova a mettere un picco abbastanza stretto tra i 1000 ed i 1600 hz (devi trovare tu dove piazzarlo, a seconda della situazione) inoltre risalta le armoniche dai 7000 ai 10000.. noterai subito la differenza.

ovviamente il mio discorso vale per suoni registrati e ancora allo stato grezzo. non vale per suoni come acappelle o sample che spesso sono già equalizzati, lì rischi solo di peggiorare le cose.

spero di aver detto cose utili, se serve altro di più specifico sono qui!

Project Hardcore

Messaggio da Project Hardcore » 25/12/2010, 10:13

X-MIND ha scritto:io lavoro cosi:
-dai un picco alla cassa sui 55hz
-tutto quello che non é cassa tagliato sotto i 100hz
-snare , crash a hi hat dagli un picco sui 500hz (lo snare prova a schiarirlo sopra i 2000)
voci maschili dagli un picco sui 1kz
voci femmunili sui 1.5kz
taglia tutto sopra i 20000
ho fatto una prova veloce e devo dire che si sente la differenza, ottimi consigli :yeah:

reflecti

Messaggio da reflecti » 30/12/2010, 14:06

bei consigli!!! bravissimi anch'io ho subito sentito la differenza ;)

Giuliovhr

Messaggio da Giuliovhr » 18/02/2011, 14:32

vi do la mia opinione anche se sono un noob sul mix e il mastering.

Le famose parole Mix e Master intese come 2 tipi di lavori derivano dalla produzione "tradizionale" di musica dove:

1- venivano registrati strumenti che erano e sono piu o meno "standard"

2- in fase di mix appunto si mettono assieme le registrazioni audio di questi strumenti e si correggono (eq, comp , liveli ecc...)

3- si fa il master ovvero si porta questa cosa che già è perfetta (il master non "modifica" nulla altrim non è un master) a "suonare" al massimo o cmq si porta il tutto ad un livello desiderato.

Nella musica elettronica si hanno suoni infiniti e strumenti non standard, quindi i problemi possono generarsi nella fase 1, che non è ripresa ma chiamatela stesura o come volete.

Quindi prima del mix bisogna vedere cosa ce nella fase prima, se scelgo di usare due suoni che "per come sono" si mangiano frequenze non lo poso fare.

Il mio parere è: prima dei "tips" di mixing (taglia qui fai cosi ecc..) bisogna CREARE i suoni giusti, cioe la cassa la faccio suonare dalla virus non faccio una cassa che non suona e poi metto plugin per farla suonare, è come far cantare uno che è stonato per poi correggerlo con il il tune streo o il melodyne.

Non si chi possa condividere il ragionamento se mi sono espresso correttamente.

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 19/02/2011, 17:06

quoto! la cosa migliore è sempre far suonare bene le cose in partenza. se il prodotto iniziale è scarso sistemarlo è una cosa lunga e difficile, e a volte addirittura impossibile!

krAsty

Messaggio da krAsty » 29/03/2011, 19:34

X-MIND ha scritto:io lavoro cosi:
-dai un picco alla cassa sui 55hz
-tutto quello che non é cassa tagliato sotto i 100hz
-snare , crash a hi hat dagli un picco sui 500hz (lo snare prova a schiarirlo sopra i 2000)
voci maschili dagli un picco sui 1kz
voci femmunili sui 1.5kz
taglia tutto sopra i 20000
ma quest' elenco secondo voi va bene per qualsiasi tipo di musica???
poi secondo voi come si deve disegnare la linea dell'equalizzazione, ad esempio in questo equalizzatore, per una cassa???
Immagine

il picco da dare alla cassa, intorno ai 55Hz, deve essere pronunciato e "appuntito" oppure più morbido??
ed è sbagliato salire con il picco oltre lo 0dB?
scusate l'ignoranza!!

X-MIND

Messaggio da X-MIND » 30/03/2011, 12:47

non é sbagliato basta che guardi i livelli del master. per la forma da dare al cue io in genere la disegno stretta per non prendere frequenze inutili.

krAsty

Messaggio da krAsty » 30/03/2011, 13:00

ok grazie per la risposta X-Mind! in effetti non aveo pensato che l'importante è non superare lo 0dB sul Master (a proposito ma nel mixer di Reason, lo 0 dB, visto che non c'è scritto, inizia ai led gialli o a quelli rossi???

nel frattempo allego un'immagine che ho trovato riguardo le frequenze di qualsiasi strumento esistente...può sempre servire a qualcuno

Immagine

X-MIND

Messaggio da X-MIND » 30/03/2011, 14:03

in genere sul rosso

Toxi

Messaggio da Toxi » 30/03/2011, 17:51

lo "zero" teoricamente si trova al primo pallino rosso

krAsty

Messaggio da krAsty » 30/03/2011, 19:45

ok grazie ancora, avevo questo dubbio perchè ad esempio sul mio Xone 22 fino allo 0dB ci sono led verdi, poi iniziano altri 3 led blu e infine un solo led rosso.....

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 01/04/2011, 11:38

krAsty ha scritto:Immagine
attenzione però che spesso per molti strumenti e suoni in generale per renderli + presenti non devi alzare le frequenze che occupano, ma quelle dove si generano le armoniche ;D

comunque ho controllato, effettivamente gli zero db sembrerebbero essere dove finisce il giallo ed inizia il rosso ;D

krAsty

Messaggio da krAsty » 02/04/2011, 0:59

[/quote]
attenzione però che spesso per molti strumenti e suoni in generale per renderli + presenti non devi alzare le frequenze che occupano, ma quelle dove si generano le armoniche ;D

comunque ho controllato, effettivamente gli zero db sembrerebbero essere dove finisce il giallo ed inizia il rosso ;D[/quote]

sì infatti se tu guardi l'immagine con tutte le frequenze, la barra quando è rossa segna le frequenze fondamentali, quando è gialla quelle delle armoniche e come dici te sono comunque importanti per "caratterizzare" un suono specifico (adesso non ricordo, ma non so quante armoniche ci sono su un sola nota di Do ad esempio).......adesso devo capire come giostrare questa lista per ottenere il suono migliore, speriamo bene! grazie Hunterwolf!

Rispondi

Torna a “DJs e producers area”