SIAE, affidata ad un novantenne: il futuro della musica

Info e riflessioni sull'arte del mixare e del produrre musica
Rispondi
Avatar utente
Alex b Hard
Messaggi: 5389
Iscritto il: 26/04/2009, 13:05
Località: CH
Contatta:

Messaggio da Alex b Hard » 09/03/2011, 17:33

Tra i vari link in facebook mi è scappato l'occhio su questo

"La notizia è di qualche giorno fa, ma è bene ribadirla perchè forse a qualcuno è sfuggita: il Consiglio dei Ministri, su proposta del presidente del Consiglio e del Ministro per i Beni Culturali (nonché poeta) Sandro Bondi, ha nominato Commissario Straordinario della Siae un uomo che compirà presto 90 anni. Si novanta, avete letto bene. E non è né una bufala, né un'amara azione situazionista del nostro ministro-poeta. C'è bisogno di aggiungere altro? Recuperate la mascella che vi è caduta e provate a fare mente locale. Stiamo parlando di un signore nato nel 1921, che quando è arrivata quella "piccola" rivoluzione digitale, per non parlare del formato mp3, di anni ne aveva già oltre 70 (ovvero già in età ampiamente pensionabile). Possiamo immaginare quanto sia dentro a quel cambiamento digitale che è prima causa del problema che è chiamato a risolvere.

Ora, omettiamo volutamente il suo nome perché nemmeno ci interessa sapere chi sia, la sua storia, il suo percorso, il suo valore, anzi, proprio perché non vi è nulla di personale, a dirla tutta proviamo un sentimento ambivalente nei suoi confronti: tenerezza e schifo.

Il nuovo commissario ha così commentato: "Ho accettato per amore della cultura". Nessuno mette in dubbio il suo amore, ma forse un atto di amore ancora più importante avrebbe potuto essere quello di mandare a fanculo questa proposta, facendo riflettere il nostro governo sulle sue politiche di assegnazione dei ruoli di potere. E' ciò che ci si aspetta da un uomo con tale esperienza, con nulla più da perdere e dimostrare.

Comunque, il primo compito del nuovo commissario, sarà quello di riformare lo Statuto della SIAE ed i suoi regolamenti. Avete capito? La riforma di un ente che sta rischiando il collasso a causa della rivoluzione digitale è affidata ad un uomo di 90 anni. Un quasi centenario chiamato a gettare le basi per il futuro della gestione del diritto d'autore in Italia. Con tutto l'estremo rispetto per gli anziani, siamo oltre la soglia del grottesco.

Cari musicisti, se proprio volete far parte di tutto questo, almeno riflettete sui motivi che vi spingono ad iscrivervi alla SIAE. Non è un obbligo. Rifletteteci, seriamente."

Fonte: http://www.rockit.it/news/14088/siae-af ... lla-musica



Mucci

Messaggio da Mucci » 09/03/2011, 18:55

Riporto uno dei commenti dalla fonte..
A 90 anni è già complicato dirigere il getto quando pisci, il famoso "diritto" d'autore
:asd:

Comunque, non ci rimane che attendere il degenero.. :uhm:

cernobeat

Messaggio da cernobeat » 09/03/2011, 23:01

cosa cambia se è un novantenne o uno di quarant'anni?cosa cavolo cambia cambiare le leggi a riguardo se tanto non c'è nessuno che le segue?

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 14/03/2011, 23:43

Scandalosa sta roba.
Cerno, cambia cambia, una cosa base è proprio il fatto che non saprà minimamente come stanno andando le cose tecnologicamente. E poi è la analoga cosa dei governi che dirigono i paesi, pieni di vecchi che ormai non sanno più cos'è un paese a momenti e lo gestiscono alla cazzo e per i comodi affari loro!

cernobeat

Messaggio da cernobeat » 15/03/2011, 0:47

ma,per voi che siete giovini che idee avete sulla regolamentazione dell'mp3?una cosa che mi sono chiesto ultimamente era se le tracce scaricate legalmente da siti esteri fossero soggetti alle tasse del paese di provenienza,o da quelle da cui vengono scaricate.
comunque....l'unica mia speranza è che lo stato(merdaccia qualsiasi tinta sia) smettesse di fare le orecchie da mercante quando si parla di considerare la musica cultura(tutta la musica),e non solo intrattenimento,quindi di far passare l'iva dal 20 al 4 per cento.ma tanto,cosa frega allo stato (doppia merda) se un mercato come la musica muore,se n'è m'hai fregato qualcosa con il caro carburante??no

piccola parentesi,ma tanto è il segreto di pulcinella questo,avete visto che hotfile ha revisionato il suo regolamento??dato che dubito lo abbia fatto di sua volontà mi chiedo quale sia stato lo stato che li abbia così tanto intimorito....

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 15/03/2011, 9:30

Dovrebbe interessargli perché fa girare vagonate di soldi la musica!

Si ho visto, ma non ho capito bene cos'hanno cambiato sinceramente! Cmq poco cambia, tirerà le cuoia a breve anche quel vecchio li e si spera se abbiamo culo che salga uno un pelo decente

Avatar utente
WXL
Messaggi: 3451
Iscritto il: 16/05/2009, 11:33

Messaggio da WXL » 15/03/2011, 13:09

cambia un cazzo tanto han tutti intorno gente finta
anche al vero artista gli si stringe il culo
perchè sa che se gli gira a qualcuno domani ha chiuso
italia mafia della melma discografica
dove i settantenni decidono anche la grafica

bassi maestro docet :asd:

Sixthclone

Messaggio da Sixthclone » 15/03/2011, 13:19

:arrowu: ahah ma sai che anche a me era venuta in mente questa stessa strofa pensando al topic :lol:
Comunque ormai non mi sorprende piu niente, siamo in Italia...

Toxi

Messaggio da Toxi » 15/03/2011, 19:15

speriamo che venga valorizzato di più il vinile :lol:

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 15/03/2011, 20:36

AJahahahahahahaahhaha bella questa

Cristian AoF

Messaggio da Cristian AoF » 15/03/2011, 23:13

cernobeat ha scritto:cosa cambia se è un novantenne o uno di quarant'anni?cosa cavolo cambia cambiare le leggi a riguardo se tanto non c'è nessuno che le segue?
perchè queste leggi purtroppo sono tra le poche che vengono rispettate: quando apri un locale, quando vuoi stampare un disco, quando accendi la televisione...

cernobeat

Messaggio da cernobeat » 16/03/2011, 0:11

scusa non ho capito....

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 24/03/2011, 18:01

io trovo che non ci sia niente di meglio che un novantenne per continuare a dirigere la SIAE nel modo in cui hanno fatto fin'ora.

reflecti

Messaggio da reflecti » 24/03/2011, 20:06

:arrowu: domandina... se faccio uscire una mia canzone su una label straniera, ad esempio olandese, a me cosa comporta? anche lì sono cagacazzi come qua? :uhm:

cernobeat

Messaggio da cernobeat » 25/03/2011, 0:19

quali sarebbero i cagacazzi?curiosità....

reflecti

Messaggio da reflecti » 25/03/2011, 10:48

quelli della siae intendo, mica gli artisti ;) anche lì esiste un corrispettivo?

Rispondi

Torna a “DJs e producers area”