Petizione "Save The Vinyl"

Info e riflessioni sull'arte del mixare e del produrre musica
Abyss

Messaggio da Abyss » 28/10/2010, 3:45

Tetta ha scritto:cmq vedrete come andranno a finire le cose adesso. Ci sarà proprio da ridere, anzi... da piangere!
spero propio che l'industria discografica vada a puttane.



NIN.



Tetta

Messaggio da Tetta » 28/10/2010, 16:29

è ironica la tua risposta o è seria?

Abyss

Messaggio da Abyss » 29/10/2010, 0:44

seria,per il semplice motivo che c'è troppa gente che non merita di stare dove sta e di essere definita ''artista'',se la gente non acquista più i pezzi commerciali questi si fottono e smettono di fare musica dedicandosi ad altro,ovviamente sempre riscuotendo successo essendo che in quel caso non è la musica ma il personaggio a fare le vendite...
in una musica più ''nascosta'' al mercato come la nostra invece potrebbe non succedere perchè comunque non si parla di milioni di persone che acquistano un determinato album solo perchè c'è un nome siamo un cerchio molto ristretto e tutto questo collasso secondo me non ci sarà,cosi come in altri generi più popolari ma sempre più sperimentali diciamo non da MTV,le case discografiche pretendono di avere il prodotto che vende (personaggio,ragazzino,ragazzina,ecc...) non il prodotto di qualità (Musicista) se il prodotto non vende forse cominceranno a rendersi conto che per fare acquistare i pezzi alla gente bisogna produrre o fare pubblicare pezzi di qualità anche su label grosse.
per esempio se il mercato discografico collassa gente come justin bieber smetterebbe di fare musica e si dedicherebbe a fare le sue cazzatine al posto di negare ad altri che a differenza sua hanno un Vero talento la possibilità di pubblicare i loro pezzi.

secondo voi chi meriterebbe di più tra questi 2?:



[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=yzTk-dju ... re=related[/youtube]

(dal 2007 Trent non dipende più da nessuna casa discografica.) potrei farvi altri esempi ma Trent è sicuramente il miglior esempio,uno come lui che ha fatto veramente fatica a trovare gente che stampasse i suoi dischi uno con un talento simile uno che a 6 anni suonava mozart alla perfezione.

o

WTF?

questo da DOVE esce?

Pit

Messaggio da Pit » 29/10/2010, 10:13

ma mi paragoni Nine Inch Nails con quel co...librì di bocchietta di J. Bieber? :mrgreen:
se lo chiamano ad "Io Canto" con Gerry Scotti prendo e faccio incidere 250 picture disc :mrgreen:

Abyss

Messaggio da Abyss » 29/10/2010, 15:54

:arrowu:

pensa che c'è davvero gente che definisce justin bieber un super artista :lol:

Pit

Messaggio da Pit » 29/10/2010, 17:49

la follia non ha limiti altro che ! :mrgreen:

x-fly

Messaggio da x-fly » 29/10/2010, 19:46

Abyss ha scritto:
spero propio che l'industria discografica vada a puttane.



NIN.
questo tipo parla cosi perche' fa' i concerti e prende una valanga di soldi. troppo comodo. non credo proprio che all'inizio della sua carriera andava in giro a dire di scaricare illegalmente. perche adesso non farebbe piu musica.

x-fly

Messaggio da x-fly » 29/10/2010, 19:52

vorrei dire una cosa. anche se il vinile non verra piu prodotto e sara' solo release in digitale le cosa non cambieranno. finche' ci saranno siti dove puoi scaricare illegalmente niente cambiera'. il vinile sta sparendo perche' appunto si fa' fatica a vendere un supporto del genere, perche' la massa scarica illegalmente e non compra. la stessa cosa e' e sara' anche per il digitale anche se costa 1 euro a canzone. non cambia nulla. il futuro? di questo passo non ci saranno piu album e release ufficiali. l'artista suonera' direttamente in discoteca le sue canzoni tramite cd o computer. spero veramente di sbagliarmi.

Grigio

Messaggio da Grigio » 29/10/2010, 19:59

il futoro vedo con artisti ke le loro canzonui le tengono per se al massimo vendi le Relaise agli eventi sennò è vero ormai si ruba tutto tramite internet

Abyss

Messaggio da Abyss » 29/10/2010, 22:58

cazzo! chiedo scusa a cristian ma ho sbagliato a quotare e ho modificato il tuo messaggio :s

Abyss

Messaggio da Abyss » 29/10/2010, 23:30

se ti va riscrivi ;)

riprendo io un pò il tuo discorso...

il fatto di essere affermato vuol dire molto...non in questo caso comunque.
ti consiglio di guardarti questo documentario:



Trent Reznor (NIN) non si è mai fatto dire come doveva essere la sua musica ancora da prima di fare dischi si è imposto ha imposto il suo talento.

poi riprendo il discorso ''new talents'' myspace,ecc... se ci sono 10000 artisti che fanno cose fighe perchè le label (indipendenti) non si fanno avanti?se un discografico sente il talento su you tube perchè non contatta l'artista?perchè gente come sixthclone è senza contratto?cazzo lui è uno che sa suonare e intendo Musica non solo hit da dancefloor.
si ok uno deve farsi avanti blabla...ma se siete cosi ansiosi (i discografici intendo) di stampare le cose fighe e siete cosi disponibili perchè imponete degli schemi partendo dal fatto che sia mainstream,dark,buzzurrocore,lampadacore,burrod'arachidicore ecc... se un pezzo spacca ma è particolare il 90% delle volte non se lo cagano i discografici,dovrebbero essere gli artisti ad imporre la loro musica alla gente non il discografico a decidere cosa è figo o no osservando gli incassi.

il ''new talent'' discograficamente non esiste,o fai qualcosa di figo su label (indipendenti) di un certo livello e automaticamente non sei più un ''new'' o se stampi su sublabel non vai da nessuna parte e nessuno ti caga,ovvio bisogna fare la gavetta blablabla ecc...,ma il new talent non è necessariamente il ''genio'' del futuro.

io penso che ogni artista debba fare la sua musica in modo personale,cosa intendo:cercare di fare ciò che uno si sente di fare senza schemi (io ci provo ma è veramente difficile non ispirarsi a altri artisti),mi riferisco sopratutto a chi ha esperienza ma si sente limitato da degli schemi a chi è affermato ma è insicuro del successo dei propi pezzi,probabilmente sentiremmo 10 dischi fighi e 1000 merde ma megli 10 dischi veramente fighi che 2 dischi fighi e 100 dischi ''sterili'' senza un'anima creati solo per il semplice fatto di vendere o di fare a gara a chi suona di più i pezzi di ''tizio'' ''coca-cola'' o ''burro''.

Cristian AoF

Messaggio da Cristian AoF » 30/10/2010, 0:48

Credo che il discorso "casa discografica che impone uno stile di musica" non sia proprio minimamente da fare per quanto riguarda la traxtorm... Sotto lo stesso tetto convivono artisti da nico & tetta a unexist...nessuno ha mai imposto nulla..

Trent Reznor può dire quello che vuole, ma viene da un'altra epoca, i suoi dischi se li è venduto nei decenni passati... Nel 1994 gli artisti vivevano di rendita grazie ad un solo disco.. Nel 2010 col cazzo che sarebbe diventato famoso...
Ogni etichetta ha le sue esigenze, ed i suoi tempi. Stiamo lavorando su cose molto interessanti riguardo a questi discorsi.

Cmq basta parlare di "giudicare gli incassi" "dischi che vendono" "commerciale" . La realtà dei fatti è che quest'anno gli incassi di Art of Fighters per la vendita dei vinili o della musica in generale non arrivano neanche ai 3 zeri... Fortuna che ci son le serate.

I dischi non si vendono, i negozi chiudono e le etichette pure, gli artisti si trovano altri lavori e tutto va a farsi fottere. Questa è la realtà.

-soulripper-

Messaggio da -soulripper- » 30/10/2010, 2:11

Per la musica elettronica, sopratutto hardcore o comunque generi non popolari ovunque (e bada bene ho detto popolari non commerciali) penso che il discorso crisi si farà sentire ancora di più ora. Se uno è fans di una band, o un cantante, dico che lo segue davvero per passione, ci tiene ad avere una certa cultura, anche discografica dell'artista preferito, aka si compra gli originali degli album. Ma per musica come l'hc ad esempio, i fans di uno specifico artista son più "fantomatici" ovvero hanno preferenze ma non è che seguono quasi esclusivamente lui. Quindi aver delle tracce masterizzate su cd o magari scaricate, non è che gli cambi la vita, nn ha un significato particolare. Si può contare ancora un poco sulle compilation, che appunto sono una raccolta dei vari successi generali da dancefloor, ma, sopratutto in italia se ogni singolo dj si mettesse a fare il suo album ogni anno non so quanto venderebbe. Ed il fatto di poter contare su "release" esclusive di ogni singolo artista (un cd con tutte sue tracce, booklet del cd fatto bene, e contenuti extra vari) per andare a tamponare il calo che viene dalle vendite di vinili è un discorso quasi improponibile nel campo hardcore SOPRATUTTO qui in Italia, dove già gente come Ligabue o Vasco in questi anni ha risentito pesantemente del flop nelle vendite.
Aumentare l'ingresso alle serate, che a volte sfiora i 40 euro non mi pare un'idea appropriata. Quindi ci sarà da rimboccarsi le maniche per cercare nuovi canali che tengano in piedi la "baracca", perchè la vedo male...

Abyss

Messaggio da Abyss » 30/10/2010, 2:18

cristian io non critico assolutamente il vostro lavoro in traxtorm anzi penso sia la migliore label hardcore e l'unica a proporre qualcosa di alternativo in un'epoca di cloni e come ho detto prima il mio discorso non è tanto riferito all'hardcore quanto alla musica di grande impatto commerciale.

comunque io vedo nella nostra musica un grande potenziale e penso che se ci fosse più gente come ophidian questa musica passerebbe su un'altro livello,con questo non voglio assolutamente dire che il resto fa schifo,anzi io ci stò impazzendo per pezzi come pain & fear,time as come,gamma,refly,ecc... ma la particolarità che trovo nei pezzi di ophidian non la ha nessun'altro artista che produce questa musica vuoi che lui abbia studiato,vuoi che lui sia bravo,ma io nei pezzi di ophidian ci sento delle emozioni totalmente indipendenti dall'impatto sul dancefloor,dai pezzi più melodici alla dark estrema ogni pezzo a un suo perchè,i producer in casa traxtorm sono veramente forti e non lo dico per amicizia nei confronti di Marco,ma io ho sentito dei pezzi veramente fighi quando sono stato a casa sua e sento quasi sempre degli ottimi lavori in casa traxtorm ma sempre con la (almeno secondo me) ''priorità'' di far ballare la gente questa è la traxtorm giustamente,mi piacerebbe vedere crescere la trse dove (mi pare se non mi sono perso qualcosa) da parecchio stampi solo tu e dove potrebbero crescere altri artisti magari ampliando non solo all'hardcore più sperimentale ma anche ad altri generi io parlo da IGNORANTE dell'argomento non sò i costi sò che non converrebbe all'inizio ma nel tempo crescerebbe secondo me ripeto io sono ignorante in sto ambito mi baso sul mio gusto musicale.

Tetta

Messaggio da Tetta » 30/10/2010, 7:48

il tuo è un discorso molto particolare che in alcuni casi condivido in altri no.
Però il punto è che per cercare di fare qualcosa di alternativo e particolare, l'unico modo è passare + tempo possibile in studio (anche se non è detto che l'ispirazione arrivi).
Il problema è che al giorno d'oggi un DJ dalla musica che fa non guadagna abbastanza per vivere con quello.
Perciò i soldi per vivere arrivano dalle serate. Se però fai musica troppo particolare rischi che non arrivino nemmeno le serate. Se non hai abbastanza serate non riesci ad andare avanti e ti trovi anche un lavoro part-time e quindi porti via tempo allo studio. Magari poi passi ad un lavoro full time e quindi in studio ci vai solo la sera e la musica diventa un hobby.
Più si sta in studio + si migliora!

Una volta ero in Germania e avevo parlato proprio con Ophidian che mi diceva che lui suona abbastanza in giro in varie nazioni ma poco in Olanda.

cernobeat

Messaggio da cernobeat » 30/10/2010, 8:27

ma di fatti è la pirateria che impedisce alle case discografiche di investire sui new talents.
non vorrei fare il talebano,ma sarebe ora di far oscurare tanti siti,non si può più andare avanti sperando nel buon senso della gente.
il problema è che a livello di autorità si fa poco,una volta tutto questo si spostava su supporti fisici,ma adesso che è la rete è ora di tenerla controllata a costo di rallentarla.
e una degli impedimenti maggiori è la tutela della privacy.

Avatar utente
Gid gbr
The sex maniac
Messaggi: 9271
Iscritto il: 24/04/2009, 21:43
Next party: 15-06-2019 Hardcore Maniac @ Number One - Cortefranca (BS)
Località: Porcìa vive!
Contatta:

Messaggio da Gid gbr » 30/10/2010, 13:22

Riflessioni da parte di sia di tetta e cristian che di abyss molto corrette e che fan riflettere, la realtà è questa, e da dispiacere sentire da loro artisti diretti che le cose non son messe bene, anche se all'apparenza sembrerebbe il contrario!
Abyss ha scritto: poi riprendo il discorso ''new talents'' myspace,ecc... se ci sono 10000 artisti che fanno cose fighe perchè le label (indipendenti) non si fanno avanti?se un discografico sente il talento su you tube perchè non contatta l'artista?perchè gente come sixthclone è senza contratto?cazzo lui è uno che sa suonare e intendo Musica non solo hit da dancefloor.
E questo discorso, come tutte le volte che salta fuori, lo straquoto alla grande ;)
non l'ho mai capito, ma penso che in parte giochi anche il ruolo "mafia" e guadagni, più che avanzamento organico delle etichette (intendo accogliere e sviluppare una nuova risorsa se può essere interessante). Molti new talents son più bravi di molti neobig che son diventati tali solo per conoscenze, o per immagine alla etichetta, e la cosa è OVVIA!

Tetta

Messaggio da Tetta » 30/10/2010, 14:07

Abyss ha scritto: poi riprendo il discorso ''new talents'' myspace,ecc... se ci sono 10000 artisti che fanno cose fighe perchè le label (indipendenti) non si fanno avanti?se un discografico sente il talento su you tube perchè non contatta l'artista?perchè gente come sixthclone è senza contratto?cazzo lui è uno che sa suonare e intendo Musica non solo hit da dancefloor.
perchè la musica non vende un cazzo e quindi il discografico probabilmente non ha interesse ad investire tempo e denaro su uno nuovo.

Abyss

Messaggio da Abyss » 30/10/2010, 14:18

a questo punto allora per chi cerca di farsi notare non vale la pena di sbattersi per fare un demo da inviare a case discografiche perchè non c'è tempo e denaro da investire su nuovi progetti,e quindi io dico facciamo la musica per noi stessi e proviamo a spedire i demo il discorso sarebbe lo stesso ma la musica sarebbe creata dalle nostre emozioni non solo con la priorità di stampare il disco e sentirlo suonare quanto per avere una posizione ''sicura'' e una label in cui ci si può esprimere

x-fly

Messaggio da x-fly » 30/10/2010, 18:23

scusate. tutti discorsi giusti. ma sono tutti legati tra di loro perche' partono tutti ad un'unico punto: la pirateria.
il problema e' solo quello.
1) scarico illegalmente - non compro - non si vende - le labels chiudono.

2) non posso scaricare - compro - si vende - le labels restano in piedi e possono investire su nuovi talenti.

semplice ;)

Tetta

Messaggio da Tetta » 30/10/2010, 19:20

Abyss ha scritto:a questo punto allora per chi cerca di farsi notare non vale la pena di sbattersi per fare un demo da inviare a case discografiche perchè non c'è tempo e denaro da investire su nuovi progetti,e quindi io dico facciamo la musica per noi stessi e proviamo a spedire i demo il discorso sarebbe lo stesso ma la musica sarebbe creata dalle nostre emozioni non solo con la priorità di stampare il disco e sentirlo suonare quanto per avere una posizione ''sicura'' e una label in cui ci si può esprimere

ma guarda che questo è quello che già bisognerebbe fare.

Abyss

Messaggio da Abyss » 30/10/2010, 20:48

:arrowu:

ma la maggior parte di quelli definiti ''new talent'' in questa musica non cercano di fare qualcosa di personale ma di clonare,imitare i big ci provavo anche io,poi però ho cominciato a provare a creare qualcosa di mio,non hardcore il 90% delle volte anche se con alcune sonorità hardcore per esempio scrivo un groove molto standard e lo distorgo poi ci metto una cassa hardcore,ecc... chessò dei giorni mi sveglio mi metto a lavorare e faccio 2,3 pezzi in un giorno che non pretendo di stampare,ma sono pezzi che ho fatto io e anche se con ovvie ispirazioni ad altri artisti (perchè purtroppo non posso formattarmi il cervello e le sonorità che mi piacciono mi ispirano) hanno l'intento di aiutarmi a creare un mio ''tocco'' personale e chissà che magari più avanti mi aiuteranno a creare pezzi hardcore di alto livello,da parecchio stò cercando di fare esperienza cercando di produrre quello che mi ispira non necessariamente quello che è stampabile.

sarà utile?non lo sò ma io lavoro cosi,ho sempre accettato i consigli che mi hanno dato quelli che hanno fatto i dischi e ringrazio loro del tempo che hanno dedicato ascoltando quello che gli inviavo ma ora vorrei cercare di andare avanti senza farmi troppo influenzare da loro,ho imparato a capire quando una cassa suona bene (ho fatto per più di un'anno consecutivo SOLO casse dal pomeriggio fino alle 5 di mattina) stò imparando molto e ho ancora molto da imparare ma penso che il modo migliore di imparare sia quello di sperimentare non partendo dal fatto che bisogna fare un pezzo che assomigli a ''Refly,Worldwide crisis,ecc...''.

Sixthclone

Messaggio da Sixthclone » 31/10/2010, 11:52

Trent Reznor ha scritto:
La musica come forma d’arte ha raggiunto un climax di apatia. Tutto si è abbassato al livello ritardato dei Black Eyed Peas. Potrò sembrare un pezzo di merda a dire queste cose ma mi mancano i giorni in cui dietro alla musica c’era un pensiero, uno sforzo per cercare di differenziarsi, per rompere le regole. Far parte di una major fa schifo perché hanno tutti paura del mercato che sta collassando. Se non produci un singolo di merda che sia il più possibile radiofonico e che vada bene come suoneria per il cellulare sei punito. Questa non è roba che mi interessa e non ho intenzione di prendere parte al gioco. Questa è roba per Justin Timberlake ma non chiamatelo artista, per favore, lui vende suonerie ed è questa la verità
E questo è quello che diceva Trent già 4/5 anni fa :)


Abyss

Messaggio da Abyss » 31/10/2010, 12:54

Sixthclone ha scritto:
Trent Reznor ha scritto:
La musica come forma d’arte ha raggiunto un climax di apatia.
E questo è quello che diceva Trent già 4/5 anni fa :)
:clap:

Avatar utente
the_gex
Messaggi: 1610
Iscritto il: 23/04/2009, 21:45
Next party: a casa mia xe sempre festononona!
Località: Monfalcone (Go)
Contatta:

Messaggio da the_gex » 31/10/2010, 15:49

personalmente....non vedo il problema di "label che chiudono..." o cose simili.
non si vendono i dischi? come ho gia detto in precedenza, i pezzi devono essere scaricabili gratuitamente, poi se un producer e' bravo sara' chiamato in svariate feste e li si rifara' di tutto!cioe' io sono convintissimo che in una serata "pinco pallino" prendera' di piu' che con 1000 dischi venduti (e visto quello che ha detto cristian riguardo gli incassi dai suoi dischi, e gli aof non sono gli ultimi arrivati che vendono 2 dischi all'anno...forse ho anche ragione).
le case discografiche chiudono? che inizino a pensare come guadagnare su altri fronti, ovvero organizzando eventi, oppure creando delle agenzie per i loro dj e incassando qualcosa anche da li....ma questo credo che in gia tanti lo fanno ma nessuno se ne accorge...

ah cmq se un producer si terrebbe tutte le canzoni per se...non si farebbe conoscere,quindi nessuna festa quindi nessun guadagno...
se io fossi un producer e mi ritroverei su... emule che un mio pezzo e' stato scaricato 5mila volte, vuol dire che alla gente piace e che sicuramente qualcuno a suonare mi chiamera'.


come si evolve il mondo, bisogna evolversi anche nelle professioni.


SE NON CI FOSSERO I SOLDI SI STAREBBE MOLTO MEGLIO...

Toxi

Messaggio da Toxi » 31/10/2010, 17:06

the_gex ha scritto: SE NON CI FOSSERO I SOLDI SI STAREBBE MOLTO MEGLIO...
:D

Hunterwolf

Messaggio da Hunterwolf » 04/11/2010, 17:53

mmmh... allora, qua secondo me c'è un po' di confusione!!!

la pirateria non rovina le major e i nomi grossi, loro avranno sempre concerti da 1000000 persone e gente che gli compra i dischi abbastanza da riguadagnare ABBONDANTEMENTE ( :lol: ) le spese!
la pirateria rovina chi si fa il culo per fare della musica diversa, o per chi sta venendo fuori adesso! io a fine marzo ho pubblicato un album e dopo 3 mesi le vendite si sono dimezzate (continuando a diminuire) perchè nel giro di 3 mesi (appunto) erano più i siti che facevano scaricare illegalmente la mia musica che i negozi che la vendevano!

è ovvio che un nome come NIN non è granchè influenzato da tutto ciò, lo dicono le parole stesse alla fine del video: "basta che venite anche la prossima volta", più eloquente di così si muore :lol:

però mi fa pensare anche che da qualche anno molte etichette di generi per niente elettronici/da club (quindi non lo fanno per i dj) si siano rimessi a stampare i loro album anche in vinile.. vedi la Nuclear Blast!
secondo me "l'ascoltatore" si sta sempre di più spaccando in due categorie: quello che ascolta tanto per avere del rumore nelle orecchie, scarica illegalmente, ascolta mp3 rippati da youtube etc. e quello che ancora più di prima sente la necessità di un supporto bello, un libretto, una copertina, un disco etc. forse esiste una categoria intermedia che si accontenta del digitale (legale).

boh vedremo come andrà a finire! io un po' inizio ad immaginarmelo..

Toxi

Messaggio da Toxi » 04/11/2010, 18:09

Tutti ce lo immaginiamo purtroppo...

cernobeat

Messaggio da cernobeat » 05/11/2010, 9:18

mah io sono dell' idea che se certe label metal fanno questo per racimolare soldi dai collezionisti seri,alla fine sono solo loro che si farebbero sfondare da un asino pur di avere una perla in vinile,l'appassionato medio (serio e consapevole) si accontenta del cd.
io non so chi di voi si faccia dei autentici pellegrinaggi alle fiere del disco,comunque chi c'è andato (ed è appassionato magari solo di elettronica),avrà visto che negli ultimii c'è sempre meno gente,oh a parma fino a 4 anni fa ci venivano pure un sacco di tedeschi a vendere,adesso ci saranno 2,massimo 4 stranieri...

hunterwolf ma tu hai pubblicato anche su vinile??io avevo sentito solo digitale e cd...

Rispondi

Torna a “DJs e producers area”