Il tabagismo

Argomenti vari relativi a tematiche non trattate nelle altre sezioni
Regole del forum
In questa sezione viene effettuata la pulizia automatica degli argomenti più vecchi.
Rispondi
Mr Purple

Messaggio da Mr Purple » 25/08/2009, 18:15

Constatata l'ignoranza di tanta gente sulle sostanze psicotrope e data l'impossibilità di affrontarle tutte, dovuta al regolamento del forum, oggi metto a vostra disposizione un riassunto del capitolo sul tabagismo del libro "Droghe - Tossicofilie e tossicodipendenze" (A. Salvini, I. Testoni, A. Zamperini).
E' lungo, ma considerate che sarebbero 30 pagine.
Se vedo che la cosa interessa, a breve inserirò anche quello sull'alcolismo.


Effetti del fumo di tabacco
Per tabagismo si intende l'intossicazione da uso eccessivo di tabacco da fumo. La nocività del fumo va distinta dalla nocività della nicotina. Quest'ultima sostanza è ritenuto impropriamente l'unico elemento nocivo dello stesso. In realtà i pericoli e gli effetti biologici di nicotina e tabacco devono essere considerati separatamente: la prima è forse l'unico composto dotato di proprietà gratificati tra i 4000 componenti del fumo di sigaretta che, invece, brucia sostanze tossiche non gratificanti e farmacologicamentee molto attive. La composizione chimica dell fumo del tabacco è complessa e variabile e dipende dalla qualità del tabacco, dalla lavorazione cui è stato sottoposto, dal modo in cui viene fumato. I principali composti sono: l'ossido di carbonio, l'acido cianidrico, gli ossidi di azoto, le aldeidi, i fenoli, gli alcaloidi (come la nicotina), l'arsenico, gli elementi radioattivi, gli idrocarburi aromatici. I componenti del fumo, per la massima parte si formano durante la combustione (tra i 600° e gli 800°), da altri composti presenti nelle foglie e che sono detti precursori. I fattori presenti nella composizione del fumo da tabacco sono circa 12.000, di cui 4000 sono stati individuati; tutto ciò evidenzia i limiti di un'analisi tossicologica fatta esclusivamente in funzione dell'elemento più conosciuto, la nicotina. La nicotina è il più importante alcaloide contenuto nel tabacco e specialmente nelle foglie. Numerosissimi studi (Cocores, Miller, 1993; Fiore et al., 1994) indicano che la nicotina e altri ingredienti del tabacco sono responsabili di un'ampia varietà di problemi sanitari e del decesso di più di 10.000 persone al giorno in tutto il mondo; nello specifico può essere utile consultare i documenti redatti dalla Lega Italiana per la lotta contro i tumori (1999). La nicotina è subito assorbita da ogni sito interno ed esterno dell'organismo (polmoni, tratto gastrointestinale, cute, mucosa orale e nasale); penetra anche nell'encefalo del feto attraversando la barriera placentare, compare in tutti i liquidi dell'organismo, compreso il latte mateerno (Jarvik, Schneider, 1992). A differenza di altre sostanze, il fumatore può controllare la dose di nicotina inalata ed evitare la tossicità acuta, visto che quest'ultima è strettamente associata alle modalità impiegate nel fumare, e in particolare alla frequenza degli atti respiratori, alla profondità dell'inalazione, al tempo di trattenimento nei polmoni, al numero totale di sigarette fumate. Tutto ciò permette al fumatore di regolare la velocità di assunzione della sostanza e quindi di controllare il livello ematico di nicotina. Il fegato metabolizza circa l'80-90% della nicotina somministrata a un soggetto prima che il farmaco sia esecreto dai reni. L'emivita è di circa due ore. Il meccanismo d'azione della nicotina è di stimolazione ed è molto simile a quello della cocaina e delle amfetamine. La nicotina, tuttavia, a differenza degli altri due farmaci che agiscono direttamente, ha un'azione di tipo indiretto (Waters, Sutton, 2000), e ciò porta a un più basso livello di stimolazione dopaminergica nelle aree del rinforzo dell'encefalo (Jarvik, Schneider, 1992). Una volta metabolizzata e arrivata a livello cerebrale, provoca il rilascio di una serie di ammine piogene e determina l'attivazione dei recettori specifici dell'acetilcolina nel Sistema Nervoso Centrale, compresa la corteccia cerebrale, inducendo l'aumento dell'attività psicomotoria, dell'attività cognitiva, delle prestazioni sensomotorie, dell'attenzione, della consolidazione mnemonica. Gli effetti biologici del fumo di tabacco sono numerosissimi. Tra i principali composti ricordiamo l'acido cianidrico e l'ossido di carbonio, il catrame e la nicotina. Il primo è un veleno respiratorio, in quanto a forti dosi inibisce la respirazione delle cellule. Lo stesso vale per il monossido di carbonio, il quale interferisce con il trasporto dell'ossigeno nel sangue e con la sua utilizzazione da parte delle cellule. Per tale ragione i globuli rossi dei fumatori perdono il 15% della loro capacità di trasportare ossigeno. Ciò può avere un effetto deleterio sul cuore e sul sistema circolatorio e potrebbe accrescere in maniera significativa il rischio di cardiopatia coronaria nei fumatori (Ockene, Kristeller, 1998; Newcomb, Carbone, 1992). Il monossido di carbonio, per la sua proprietà di sostituirsi all'ossigeno e bloccare la respirazione cellulare, è il responsabile delle morti che si verificano per il malfunzionamento delle stufe a carbone in ambienti chiusi. Ossidi di azoto, aldeidi e fenoli sono i maggiori responsabili dell'azione irritante sulle mucose respiratorie e sulle congiuntive ed impediscono il trasporto e l'eliminazione delle sostanze estranee e favorendo perciò la penetrazione delle sostanze corpuscolate del fumo nelle porzioni profonde dell'albero respiratorio. In maggior parte ciò è provocato dagli alcaloidi e dalle sostanze ad azione cancerogena come l'arsenico, le nitrosamine, gli elementi radioattivi, ecc. (Jarvik, Schneider, 1992). Il catrame non solo causa, ma anche favorisce alterazioni maligne. Il fumo sviluppato dalla parte finale della sigaretta che brucia contiene quantità di ammine aromatiche cancerogene considerevolmente più elevate rispetto al resto del fumo ed è stato dimostrato (Glantz, Parmley, 1991; U.S. Environmental Protection Agency, 1992) che produce effetti negativi anche sulla salute degli individui che non fumano, ma che si trovano nello stesso ambiente del fumatore.
Altre sostanze importanti sono le sostanze cancerogene. Shinya et al. (1997) hanno accertato che i leucociti neutrofili attivati a seguito di esposizione a fumo di sigaretta provocano danni al DNA dei leucociti mononucleati, provocando difetti nella riproduzione delle cellule, generando tumori.

Effetti della nicotina
Molte ricerche, nell’ultimo ventennio (Newhouse, Hughes, 1991), hanno dimostrato che i fumatori manifestano un comportamento di “ricerca della nicotina”, in modo da garantirsi costantemente un determinato livello di questa sostanza nel sangue. Jarvik e Schneider (1992), hanno mostrato come le sigarette con elevata concentrazione di nicotina determinano un abbassamento della frequenza, del numero e/o dell’intensità delle aspirazioni e viceversa. È importante sottolineare che i fumatori di sigarette a basso rendimento non consumano necessariamente meno nicotina, essi tendono a mantenere comunque i livelli di nicotina tra 30/40 mg/ml di plasma, attraverso profonde inalazioni (Jarvik, 1997).
Allo stato attuale il ruolo della nicotina come composto puro nella genesi delle forme tumorali è molto dubbio. Perché se è vero che la nicotina può essere convertita in un composto carcinogeno (nitrosonornicotina), è anche discutibile che la quantità formatasi sia sufficiente a provocare tumori (Cocores, Miller, 1993).
I danni più gravi determinati dalla nicotina sono senz’altro i danni dovuti all’intossicazione cronica che si manifestano a carico del sistema circolatorio con le seguenti manifestazioni: vasocostrizione periferica e conseguente aumento della pressione arteriosa; aumento dei battiti cardiaci, il che comporta affaticamento del cuore; spasmo delle arterie coronarie con possibilità di angina pectoris aumentando il rischio dell’infarto.
Altri disturbi si possono manifestare anche a carico dell’apparato digerente, della vista, dell’apparato respiratorio, sullo stomaco (favorendo gastrite ed ulcera).

Statistiche
Attualmente si verificano 3,5 milioni di decessi all’anno causati dal fumo. Si stima che per il 2030 saranno circa 10 milioni. Per quella data, basandosi sugli attuali trend dei fumatori, si prevede che il tabacco sarà la principale causa di un complesso di malattie nel mondo, causando circa 1/8 dei decessi complessivi.
In percentuale, i fumatori che cominciano a fumare nell’adolescenza e continuano a fumare regolarmente hanno circa il 50% di possibilità di morire a causa del tabacco. Metà di questi morirà prima della mezza età, prima del compimento dei 70 anni, perdendo circa 22 anni di normale aspettativa di vita. Fumando in maniera continuativa, i fumatori hanno un tasso di mortalità circa 3 volte superiore a quello dei non fumatori a prescindere dall’età di inizio. Per i fumatori, la probabilità di sviluppare un cancro al polmone sembra essere dieci volte maggiore rispetto ai non fumatori e per i fumatori “pesanti” (2 o più pacchetti al giorno) sembra superiore di 15-25 volte. I fumatori hanno un rischio di morte per cardiopatia coronaria che è da due a quattro volte maggiore rispetto ai non fumatori, a seconda della frequenza con cui fumano (Zhong et al., 2000). Il ruolo del fumo nelle principali malattie respiratorie è notevolissimo, in quanto sembra il responsabile dello sviluppo di bronchiti ed enfisemi con una probabilità prossima al 90%. (Fielding, 1985; Durda, Ziemecka, Szafranski, 1976).

Dipendenza
La prima sigaretta della giornata provoca tachicardia, che persiste fino a quando i livelli plasmatici di nicotina raggiungono l’equilibrio. Quando i fumatori cronici si astengono dalla sigaretta, presentano una caduta della frequenza cardiaca, che rimane bassa a lungo, almeno per dieci giorni. Il sollievo dall’astinenza sembra essere il tipo principale di rinforzo negativo per i fumatori. La condizione di deprivazione di nicotina per forti fumatori comporta irritabilità e disagio alleviabili solo con nicotina sostitutiva (Hughes et al., 1991). Non è mai stata dimostrata una riduzione dell’ansia dovuta a sostanze presenti nel fumo di tabacco in senso assoluto; la riduzione dell’ansia può essere rilevata, invece, solo quando si assuma nicotina durante l’astinenza, per via della stessa condizione dell’astinenza (Hashizume et al., 2000).
Nella quarta edizione del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-IV) la dipendenza e l’astinenza da nicotina sono classificate come un disturbo psichico.



PIAVE83

Messaggio da PIAVE83 » 25/08/2009, 19:29

tabagista anonimo

trashfucker85

Messaggio da trashfucker85 » 25/08/2009, 19:52

mi fa skifo fumare :s

DOG HATEGRIND

Messaggio da DOG HATEGRIND » 25/08/2009, 19:55

Fumavo quasi un pacchetto al giorno a volte...dal mezzo al pacchetto intero mediamente.
Un giorno ho preso le ultime sigarette e le ho regalate ad una in corso con me.
Da quel momento mai più una sigaretta.
:D

Avatar utente
Phemt
Messaggi: 3086
Iscritto il: 19/05/2009, 10:17
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Phemt » 25/08/2009, 20:09

A morte il tabacco e le industrie che lo producono!! Vermi!!

Comunque, per MR. Purple, ora non ho tempo, ma mi e ti (ri)prometto che leggerò tutto l'estratto che hai postato, perchè sono molto interessato, e poi scriverò qualcosa! :yeah:

Avatar utente
numberinn
Admin
Messaggi: 1996
Iscritto il: 22/04/2009, 13:16
Next party: Mah, boh, chissà...
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da numberinn » 25/08/2009, 20:24

Bel riassuntone :yeah:
Non mi trovo pienamente d'accordo con svariati punti, ma è comunque un "articolo" abbastanza completo per la visione di un lato della barricata :)

gbrinaina

Messaggio da gbrinaina » 25/08/2009, 20:48

non fumo, xo un riassunto del riassunto sarebbe gradito XD

Br4zZo

Messaggio da Br4zZo » 25/08/2009, 21:49

In Passato Ho Provato a Fumare Più Di Una Volta , Ma Non Sono Mai Riuscito a Capire Cosa Ci Sia Di Bello Nel Fumare , Bhò !
Aspirare e Buttare Fuori Fumo .. e Dopo ? Capisco Di Più Una Sostanza Che La Usi e Ha Un Suo Perchè , Visto Che Ti Fà , Mentre Il Fumo Di Sigaretta Lo Trovo Inutile :roll: .. !

SwA

Messaggio da SwA » 25/08/2009, 22:23

Fumo regolarmente Marlboro Rosse dalla 2^ media, una decina al giorno... il weekend qualcuna in più...

Fino ad ora non ho mai pensato di smettere perchè non ne sento la necessità... ovvero, non lo percepisco come un problema concreto. Sembrerà sciocco, ma lo è certamente meno di quelli che smettono ogni 2 mesi o lo dicono ogni 3 x 2... :lol:

Ho problemi di salute più importanti e immediati di cui occuparmi e come dico sempre, smetterò di fumare in gravidanza per il bene del mio bimbo/bimba... :$ (mia nonna mi ha risposto: continua a fumare ancora per un po' allora :lol: )

Cinao_Bs

Messaggio da Cinao_Bs » 25/08/2009, 22:26

Veramente bel riassunto...
Non fumo ;)

_Sy

Messaggio da _Sy » 26/08/2009, 1:01

Letto, non male come testo ;)

sbini

Messaggio da sbini » 26/08/2009, 1:17

tante cose già sentite

comunque molto interessante :clap: :clap:

Avatar utente
Phemt
Messaggi: 3086
Iscritto il: 19/05/2009, 10:17
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Phemt » 26/08/2009, 1:37

SwA ha scritto:Fumo regolarmente Marlboro Rosse dalla 2^ media
Una ragazzina di 12 anni che si avvicina al fumo? Il mondo sta diventando sempre più orribile... ok la libertà di ognuno, però molti a 12 anni, almeno di una o due generazioni fa, sono ancora degli ingenui bambini... che brutta cosa! :s
Me la prendo molto perchè so che anche la mia ragazza ha iniziato a quell'età (e grazie a me, quando aveva 15 - 16 anni, ha smesso...), e al solo pensare alla faccia di merda di quel ragazzino di 12 - 13 anni che le ha offerto la prima sigarett... non immaginate nemmeno quanta voglia avrei di spaccargli la testa :mrgreen:

Ho letto tutto il testo... certi passaggi fanno davvero rabbrividire, specialmente se si vuole bene a una persona che fuma o che ha fumato e si pensa a tutto... io giuro, ho provato un senso di angoscia raro, è davvero orribile quello che siamo arrivati a produrre e sponsorizzare per soldi... la morte.
Ultima modifica di Phemt il 26/08/2009, 1:44, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Phemt
Messaggi: 3086
Iscritto il: 19/05/2009, 10:17
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da Phemt » 26/08/2009, 1:50

:arrowu: Di che anno siete? Io parlo di generazione anni 80... prima metà era più seria, poi si parla di eccezioni, e sempre è aumentato il rapporto maggiore dei ragazzi meno seri rispetto a quelli seri... ora si azzarda di più, in tutto...
Fatti un giro alle scuole medie. Vedi delle ragazzine che sono vestite come delle mignotte esperte, fumano di tutto e probabilmente già avranno avuto rapporti sessuali completi, magari con più di un ragazzo, fanno e si fanno di tutto in discoteca... Per me si peggiora sempre di più!!
Il tabacco potrebbe essere poi il male peggiore... la trasgressione, le solite stronzate che passano per la mente ai preadolescenti di oggi? Col cazzo... sono tutti svegli, questi ragazzini maledetti, sanno cosa vanno incontro eppure giù di tutto, tabacco, tabacco, perchè non usano la testa, pur conoscendo i rischi... Cicche... all'inzio si danno un tono, forse non credono a tutto quello che si dice del tabacco, perchè non hanno avuto a che fare con quei casi trattati e credono di poter smettere, o potersi regolare... ed è lì la trappola. Leggiti il testo, poi vedi se non ti si rizzano i peli del bucio del culo per quanto rabbrividisci... Non sarebbe male se anche chi fosse disinteressato aderisse a delle campagne contro il tabagismo... maledetti venditori di morte, andate all'inferno! E andate all'inferno tutti voi tabbaccai di merda che le vendete a chiunque, anche a chi non ha la testa di scegliere, E LO SAPETE!! I soldi, i soldi...

Avatar utente
numberinn
Admin
Messaggi: 1996
Iscritto il: 22/04/2009, 13:16
Next party: Mah, boh, chissà...
Località: Brescia
Contatta:

Messaggio da numberinn » 26/08/2009, 2:17

phemt88 ha scritto:Io parlo di generazione anni 80... prima metà era più seria, poi si parla di eccezioni
Io sono dell'82 e ti posso assicurare che già a 11-12 anni c'era un nutrito numero di miei conoscenti/coetanei che andavan giù di speed, trip, etc etc.
Infatti non è che ne siano arrivati sani in molti alla mia età... sempre che ci siano arrivati...

Secondo me dipende anche dall'ambiente in cui si cresce: ovvio che anche al genitore più attento possa capitare il figlio "fattone" a propria insaputa, ma se il genitore stesso non tiene sotto controllo la situazione... :-°

-Alessio-

Messaggio da -Alessio- » 26/08/2009, 7:51

io sn dell 83 e mediamente posso dire che la generazione 90...inizia a fare tutto dal sesso a fumare a drogarsi...mediamente qualche anno prima di quando lo facevamo noi :)

Sixthclone

Messaggio da Sixthclone » 26/08/2009, 11:03

phemt88 ha scritto:Di che anno siete? Io parlo di generazione anni 80... prima metà era più seria, poi si parla di eccezioni, e sempre è aumentato il rapporto maggiore dei ragazzi meno seri rispetto a quelli seri... ora si azzarda di più, in tutto...
Io sono dell'85 e credimi tutti i miei amici erano gia devastati a 13 anni fra coca, keta e merda varia..
(tra cui anche due ragazze che si prostituivano nei bagni di un centro commerciale) :lol:
secondo me niente è cambiato da allora se non per il fatto che adesso i giovani sono molto più stupidi e meno responsabili...
prima si facevano le stesse identiche cose ma c'era maggiore consapevolezza di ciò che si faceva e delle conseguenze che avrebbero portato..

-Alessio-

Messaggio da -Alessio- » 26/08/2009, 12:32

1 miliardo di uomini fuma (35% nei Paesi ricchi e 50% nei Paesi in via di sviluppo)

- Circa 250 milioni di donne fumano (22% tra i ricchi e il 9% tra i Pvs)

- il rischio di morire di cancro al polmone è di oltre 23 volte più alto per i fumatori e di oltre 13 volte per le fumatrici, rispetto a quanti non hanno dimestichezza con le sigarette

- I fumatori muoiono in media 15 anni prima dei non fumatori

- In Cina fuma il 60% degli uomini, che da soli consumano il 37% del tabacco mondiale

- quasi un quarto dei giovani provano la prima sigaretta prima dei dieci anni

- 100 milioni di persone sono state uccise dal tabacco nel XX secolo. Nel XXI secolo se non si farà nulla i morti legati al fumo raggiungeranno quota 1 miliardo

- La Cina è di gran lunga il Paese dove si fuma di più, seguita da Usa, Russia e Giappone.

c'è da dire che dopo 5 anni che nn fumi...torni praticamente a livelli normali simili a quelli di un nn fumatore..

robbeHC

Messaggio da robbeHC » 26/08/2009, 12:56

Argomento decisamente interessante, cose già sentite ma comunque interessanti ;)
Io ultimamente ho ridotto le sigarette anche per via della gastrite e le sigarette di certo non aiutano :lol:
Direte,sapevi ste cose e non smetti? Mi piace troppo fumare e quando avevo provato a smettere di botto ero decisamente più nervoso, chi mi ha avuto a fianco lo sa :lol:

SwA

Messaggio da SwA » 26/08/2009, 12:59

numberinn ha scritto:
phemt88 ha scritto:Io parlo di generazione anni 80... prima metà era più seria, poi si parla di eccezioni
Io sono dell'82 e ti posso assicurare che già a 11-12 anni c'era un nutrito numero di miei conoscenti/coetanei che andavan giù di speed, trip, etc etc.
Infatti non è che ne siano arrivati sani in molti alla mia età... sempre che ci siano arrivati...

Secondo me dipende anche dall'ambiente in cui si cresce: ovvio che anche al genitore più attento possa capitare il figlio "fattone" a propria insaputa, ma se il genitore stesso non tiene sotto controllo la situazione... :-°
Io dell'88... in 2^ media uscivamo solo con gente più grande che andava al number ecc. ;)

Comunque, l'unica sigaretta di cui sento davvero la necessità è la prima appena sveglia... caffè, esco di casa e fumo la mia malborina... (entravo in classe sclerata se non riuscivo a trovarne una e dovevo per forza scroccarla e andare in bagno a fumarla entro 5 minuti :lol: )poi posso anche non fumare fino a mezzogiorno, sopravvivo... :D
Poi ovvio, non è "necessaria" ma mi piace dopo il caffè e dopo le zozzerie... :mrgreen: Per il resto, posso anche non fumare che non muoio... non sono una tabagista incallita... io non so come fa certa gente a fumarsi 2/3 pacchetti di marlboro o di MS (per non parlare delle nazionali :s ) al giorno... gente che ne spegne una o ne fuma metà e ne accende subito un'altra... :pray:

Avatar utente
WXL
Messaggi: 3451
Iscritto il: 16/05/2009, 11:33

Messaggio da WXL » 26/08/2009, 13:04

a me sinceramente le siga piacciono in certi momenti...ma perlo sul serio mi piace proprio...specialmente prima di entrare a scuola (la prima) e quella all' uscita...visto che poi noi non abbiamo spazi aperti a scuola non si potrebbe fumare e per sei ore resisto...tranno con qualche prof e li scatta la siga in bagno :mrgreen:

des

Messaggio da des » 26/08/2009, 13:35

fumo con moderazione e con piacere

Mr Purple

Messaggio da Mr Purple » 26/08/2009, 14:18

numberinn ha scritto:Bel riassuntone :yeah:
Non mi trovo pienamente d'accordo con svariati punti, ma è comunque un "articolo" abbastanza completo per la visione di un lato della barricata :)
qual è l'altra parte della barricata? c'è chi sostiene che fa bene? o_o

Mr Purple

Messaggio da Mr Purple » 26/08/2009, 14:20

gbrinaina ha scritto:non fumo, xo un riassunto del riassunto sarebbe gradito XD
ina, meno di così non saprei. potrei dirti che il fumo fa male! :lol:

Mr Purple

Messaggio da Mr Purple » 26/08/2009, 14:22

phemt88 ha scritto:A morte il tabacco e le industrie che lo producono!! Vermi!!

Comunque, per MR. Purple, ora non ho tempo, ma mi e ti (ri)prometto che leggerò tutto l'estratto che hai postato, perchè sono molto interessato, e poi scriverò qualcosa! :yeah:
sono contento che sia stato apprezzato. a me piacerebbe farlo con tutte le sostanze, dato poi che del fumo si sa più o meno già tutto, ma l'idea è stata bocciata già più di una volta su gabberplanet, quindi rinuncio e adeguo.

SwA

Messaggio da SwA » 26/08/2009, 14:49

Io sarei a favore, purtroppo ci sono ancora troppi utenti che non riuscirebbero a fare a meno di commentare in modo poco civile e si otterrebero risultati poco utili... nonostante l'impegno e l'idea di partenza ottima, come in questo caso. ;)

hardcorevolution

Messaggio da hardcorevolution » 26/08/2009, 15:33

Chi fuma prima o poi ne paga le conseguenze sulla salute e non serve smettere quando il danno è fatto!

Mr Purple

Messaggio da Mr Purple » 26/08/2009, 16:13

SwA ha scritto:Io sarei a favore, purtroppo ci sono ancora troppi utenti che non riuscirebbero a fare a meno di commentare in modo poco civile e si otterrebero risultati poco utili... nonostante l'impegno e l'idea di partenza ottima, come in questo caso. ;)
non penso che più avanti la cosa cambierà.
su gabberplanet comunque la mia proposta era di fare anche una sezione apposita, in cui si facesse solamente informazione e mi offrivo di fare da moderatore e di cancellare tutto ciò che non era adeguato. l'idea non piaceva comunque.
ma grazie per il supporto :D

-Alessio-

Messaggio da -Alessio- » 26/08/2009, 16:20

era una gran bella idea e mi sa che te lo dissi pure la..
però alla fine sarebbero state perle ai porci :)

Mr Purple

Messaggio da Mr Purple » 26/08/2009, 17:14

si, ricordo che l'avevi detto anche tu! :yeah:

comunque perle ai porci no sinceramente. io sono dell'idea che se in mezzo a 100 persone se ne interessa anche solo una, è stato utile.

Rispondi

Torna a “Off topic”